La canzone perfetta

La canzone perfetta

di: Davide Lasala

Siamo sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, qualcosa che ti investe di emozioni e che ti faccia sognare, pensare, immaginare, piangere. Trovare qualcosa in una canzone che ti faccia immedesimare al tal punto da rimanere basiti dal trasporto, delle parole e dall’intenzione del nostro artista preferito.Fare un disco è come andare a fare la spesa al supermercato. Ti fai una lista (la scaletta del disco), trovi il supermercato (lo studio) , ti scegli a giusto piacimento i barattoli più belli e le confezioni più allettanti (microfoni, chitarre..ecc.), riempi il tuo bel carrello e ti dirigi verso la cassiera più bella del supermercato, anche se c’è più gente (non bisogna avere fretta per trarre soddisfazioni).Si arriva a casa e si comincia a cucinare, il cuoco sei tu, sei l’autore delle  canzoni, sei l’artefice di tutto questo, perché sei tu che lo vuoi, nessun altro. Se non lo fai tu, non lo fa nessuno, il condimento migliore lo vuoi tu.C’è solo un problema!Per fare un semplicissimo piatto di pasta ci vuole il tempo giusto, il metodo e la preparazione, ma soprattutto un ingrediente di nome passione, accompagnata dal cuore.La preparazione è più importante della correzione, e viene prima di qualunque cosa.Concludendo con la gastronomia; metti il sale al punto giusto e vedrai che non dovrai fare ritocchi alla fine.Ai musicisti piace fare i dischi, ma gli piace di più immortalarsi..sopra ad un palco.I musicisti hanno paura del CLIC. Sono più impegnati a stare a  tempo invece che concentrarsi a trasmettere quello che stanno facendo. La prima cosa che chiedono è: “a che bpm la facciamo?” Mi raccomando a clic se no ci perdiamo via!!! Ma senza clic non possiamo fare le correzioni.Bene! Ma io voglio piangere, gioire mentre registro o ascolto una band, quindi se non sai suonare cambia mestiere, perché la musica è fatta di emozioni, di groove, di colori, di energia. Si è perso di vista il fuoco, quello necessario ad immortalare una canzone. Le canzoni perfette sono di passaggio e nemmeno te le riascolti, un po’ come i tortellini fatti in casa dalla nonna, a differenza di quelli tutti uguali del supermercato. Sì, sì!! Sono bellissimi tutti uguali, perfetti. In griglia perfettamente come cassa e rullante, e il basso che si inchioda alla gran cassa, ma le sbavature? Non ci sono sbavature deve essere tutto perfetto! Tutto clinicamente perfetto a tal punto che cambi marca dei tortellini  che sono super perfetti.. Ma la nonna?? Lei sì che fa i tortellini più buoni e unici che io abbia mai assaggiato. Non si trovano in circolazione, lei ci mette il cuore, ha groove quando li impasta e sa miscelare nel modo migliore, miscelare i propri ingredienti con cura dandogli un carattere unico.Negli ultimi 5 anni c’è stato un incremento di band, artisti che non sai più dove ascoltare. Si è abbassata la qualità e la creatività, di fare qualcosa di unico e di ammettere di avere un disco imperfetto, non a clic, suonato tutto in diretta. Perché fare un disco è un’esperienza unica.


Related Articles

Gli indifferenziati

Di: Sammy Osman Ho fatto una scoperta! Mò ti racconto. Il mercoledì e il sabato, in via Larga a Bologna,

Una coscienza a chilometraggio illimitato

Di: Diego Mancino Così ho cominciato a camminare, senza un motivo vero. Aveva , il suolo, qualcosa di speciale, qualcosa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.