ALESSANDRO GRAZIAN in concerto Venerdì 30 Novembre a Le Mura‏

ALESSANDRO GRAZIAN in concerto Venerdì 30 Novembre a Le Mura‏

Alessandro Grazian nasce a Padova alla fine degli anni 70. Dopo numerose esperienze musicali nel 2005 esordisce con il primo album solista intitolato “Caduto”. Con questo disco inaugura la collaborazione con Enrico Gabrielli(Calibro 35, Afterhours, Mariposa) con cui realizzerà anche i due dischi successivi. L’album ha ottimi apprezzamenti e in seguito alla fortunata tournèe di promozione Grazian si dedica al teatro partecipando come musicista di scena a diversi spettacoli. Nel maggio 2008 Grazian partecipa alla compilation/tributo “Il Dono” – Tributoai Diaframma. Nell’ottobre 2008 esce il secondo nuovo album intitolato “Indossai”. Con questo disco inizia la collaborazione con Nicola Manzan (Bologna Violenta, Baustelle, Teatro degli Orrori). Il disco viene accolto bene da pubblico e critica e diventa disco della settimana su Fahrenheit di Radio Tre per poi entrare in programmazione su Radio Uno. L’album vanta la partecipazione di numerosi ospiti tra cui Emidio Clementi dei Massimo Volume. All’uscita del nuovo disco parte subito un intenso tour di presentazione che tocca l’Italia dal Nord al Sud. Un anno dopo, nell’autunno 2009, Grazian si trasferisce a vivere a Milano e pubblica un minialbum contenente 5 canzoni inedite e intitolato “L’abito”Anche questo nuovo lavoro raccoglie da subito recensioni entusiastiche. Da questo momento Grazian inizia ad occuparsi di colonne sonore (finalista al Torino Film Festival nel 2010 e al Festival di Cannes nel 2011 col regista Pasquale Marino) e intensifica il suo lavoro nel campo dell’arte figurativa (di successo il suo progetto pittorico del 2011 Ritratti da Grazian, un’esposizione itinerante di ritratti ad olio di musicisti indipendenti).Nel novembre 2011 Grazian partecipa alla compilation “Sulle labbra di un altro”  Tributo a Tenco. Alessandro Grazian ha ricevuto numerosi riconoscimenti musicali (Mantova Musica Festival nel 2006) e ha collaborato e collabora con numerosi artisti in qualità di musicista e co-autore/arrangiatore. In ottobre 2012 è uscito il nuovo album “ARMI” che vede la collaborazione di Leziero Rescigno (La Crus, Amor Fou).

VENERDI’ 30 NOVEMBRE in collaborazione con AusgangALESSANDRO GRAZIAN in Concerto porte/botteghino20:00concerti22:00 ingresso5 euro Le Mura Music BarVia di Porta Labicana, 2406 64011757; info@lemuramusicbar.com IL VIDEO “ARMI”http://www.youtube.com/watch?v=BZm4MZ739fQ Hanno scritto del nuovo disco di Alessandro Grazian “Armi”: “ L’apertura piazza subito: chi si aspettava una ballata rétro-malinconica tipica di Grazian, troverà un muro di rabbia elettrica. Nonostante si plachi nei suoni, il cd ha un’atmosfera più originale del solito. Complice la produzione di Leziero Rescigno degli Amor Fou.”Da Il Venerdì di Repubblica del 26 ottobre 2012 di Luca Valtorta. “(….) ha già pubblicato altri due album, Caduto e Indossai (..) canta senza risparmiarsi, vicinissimo ad una grande voce del folk come Tim Buckley (..) Scrive testi raffinati, se serve rabbiosi, firma canzoni e colonne sonore, dipinge quadri molto particolari e guarda il mondo senza arrendersi.”Da Vanity Fair del 24 ottobre 2012 di John Vignola  “Alessandro Grazian è uno dei pochi nomi della nuova leva ad aver dimostrato talento fuori dall’ordinario. (..) Merito di composizioni solide, di versi evocativi, degli arrangiamenti raffinatissimi orchestrati con compagni di viaggio del calibro di Enrico Gabrielli e Nicola Manzan. (..) Ne deriva un’affascinante miscela di (post) rock, new wave e shoegaze, tratteggiata con batteria chitarre elettriche e sintetizzatori a scacciare il ricordo di archi e fiati.”Da Mucchio di ottobre 2012 di Elena Raugei. “Il terzo disco di Alessandro Grazian, scritto interamente dal cantante padovano ma prodotto e suonato a quattro mani con Leziero Rescigno degli Amour Fou, vive di fiammate improvvise in balia di umori contrastanti e atmosfere chiaroscurali,trovando (..) un intimo equilibrio interno.”Da Blow Up di novembre 2012 di Guido Gambacorta “ Chitarra elettrica, riff energico, un urlo interiore che esplode e si trasforma in grido di rivendicazione. (..) Grazian si reinventa e imbocca una nuova strada, attacca la spina, prova la via del rock più duro e lascia spazio alle chitarre distorte. Armi suona cosi in maniera nuova e mostra un artista poliedrico e talentuoso sia nei panni di musicista che in quelli diautore.”Da Jam di ottobre 2012 di Melissa Siano