Preraffaeliti: tra arte e musica

Preraffaeliti: tra arte e musica

Entriamo nella prima sala e: bum!, c’è subito lei, l’Ophelia di Millais. Neanche il tempo di orientarci che ci sbattono subito in faccia uno dei più bei capolavori di tutti i tempi, che di solito è visibile solo alla Tate Modern di Londra. Questa è una mostra seria, perché farsi prestare un quadro del genere non è da tutti, non è facile, soprattutto di questi tempi.

imgres-1

E la mostra è appena iniziata. Oltre 70 capolavori della Confraternita dei Preraffaelliti, che arrivano, dopo un tour mondiale, e ora sono esposti a Torino dal 19 aprile al 13 luglio 2014. L’esposizione è a cura di Alison Smith, capo curatore della sezione di arte inglese del XIX secolo presso della Tate Britain. La mostra, allestita nel rinnovato Palazzo Chiablese, presenta opere di John Everett Millais, L’amata (La sposa) di Dante Gabriele Rossetti, Prendi tuo figlio, Signore di Ford Madox Brown e Sidonia von Bork 1560 di Edward Coley Burne-Jones, ed è articolata in 7 sezioni: La Storia, La Religione, I Paesaggi, La società contemporanea, Lo stile pittorico, La Bellezza e Il Simbolismo.

imgres

La voce italiana della mostra è stata affidata a Luca Beatrice, ed è lui che vi spiegherà in un saggio nel catalogo e con un video proiettato in mostra, l’influenza che la Confraternita dei Preraffaelliti ha avuto sulla cultura occidentale, tra gotico e dark, a partire dagli anni ’80.

Perché i Preraffaelliti hanno influenzato, e molto, il mondo della televisione, del cinema, della moda e anche quello della musica, ispirando registi come Tim Burton, Francis Ford Coppola, Ken Russell, stilisti come Alexander McQueen, Karl Lagerfeld, John Galliano, Jean Paul Gaultier sino ai più recenti Gareth Pugh, Thierry Mugler, Rick Owens e Yohji Yamamoto, per non parlare dei gruppi musicali che hanno attinto da questa corrente, dai Sister of Mercy ai Big Four, dai Joy Division ai Bauhaus, fino ad arrivare ai Cure, tanto da far dire allo stesso Luca Beatrice che Lullaby potrebbe benissimo fare da colonna sonora a questa mostra. E allora perché non andare a Torino, con il vostro inseparabile Ipod, spararvi nelle orecchie Disintegration (che non può mancare tra i vostri dischi), e immergervi in questo mondo gotico e a dir poco dark che tanto è in voga ancora oggi, e di cui i preraffaeliti sembrano essere stati i precursori?

imgres-2

PALAZZO CHIABLESE POLO REALE, PIAZZETTA REALE, TORINO Tel. 011 0881178 www.mostrapreraffaelliti.it (attivo lunedì-venerdì 9:00-18:00, e sabato mattina 9:00-13:00) Orari Lun: 14.30 – 19.30 mar-mer-dom: 9.30 -19.30 Giov-ven-sab: 9.30-22.30 (Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura) APERTURE FESTIVITÀ PASQUALI E PONTI DI PRIMAVERA Lunedì 2 giugno: 09.30-19.30 Martedì 24 giugno (patrono di Torino): 09.30-19.30

 

 

 

Dejanira Bada


Related Articles

The Smiths, esce la ristampa di ‘The Queen is Dead’ con inediti

The Smiths, esce la ristampa di ‘The Queen is Dead’ con inediti

Eros Ramazzotti, esce in Italia il 17 novembre ‘Eros Duets’

Eros Ramazzotti, esce in Italia il 17 novembre ‘Eros Duets’

Linecheck, Warner presenta ‘Professione donne nella musica’. Parola d’ordine: fare squadra.

Linecheck, Warner presenta ‘Professione donne nella musica’. Parola d’ordine: fare squadra.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.