LED ZEPPELIN, storia di una leggenda senza fine

LED ZEPPELIN, storia di una leggenda senza fine

Ci sono artisti o band che nonostante non siano più in attività, entrano a far parte di diritto nel mondo delle leggende musicali. Ci sono artisti o band la cui fama precede addirittura il nome stesso. Certo possiamo farne tanti di esempi, possiamo anche provare a buttar giù un elenco… Ecco in questo elenco ci sarebbe sicuramente posto per i Led Zeppelin!
Lo storico gruppo britannico, che ha cambiato le regole del rock e considerato tra i pionieri dell’hard-rock, ha non solo influenzato tantissimi artisti di quel periodo, ma ha continuato ad essere fonte d’ispirazione per tutti coloro che si sarebbero affacciati al mondo del rock negli anni a venire.

[ot-video type=”youtube” url=”https://www.youtube.com/watch?v=dmKeIlJq4gM”]

La band ufficialmente si sciolse nel 1980, dopo la morte del batterista John Bonham, con nove dischi pubblicati all’attivo. Da allora, i membri fondatori Jimmy Page (chitarre) e Robert Plant (voce) hanno intrapreso carriere da solisti, ritrovandosi insieme soltanto occasionalmente per concerti celebrativi o commemorativi. Sono stati (ma lo sono ancora!) indubbiamente uno dei gruppi rock di maggior successo commerciale a livello planetario. D’altronde i risultati parlano per loro: oltre 300 milioni di dischi venduti, dal 1995 nella Rock and Roll Hall of Fame, 2 Grammy Award ricevuti (uno nel 2005, l’altro nel 2007 come Best Rock Album) e posizionati al 14esimo posto tra i 100 musicisti più importanti di tutti i tempi dalla rivista Roling Stones.

Due curiosità da ricordare. Lo sapevate che il batterista italiano Franz Di Cioccio, leader (assieme a Franco Mussida) della storica band Premiata Forneria Marconi, all’epoca fu chiamato dai Led Zeppelin a sostenere un provino per sostituire John Bonham? No? Lo ha raccontato lui stesso in un’intervista poco tempo fa…

[ot-video type=”youtube” url=”https://www.youtube.com/watch?v=yTF_7vJidTI”]

Ed ancora… Nel 2007 la band, a seguito dell’esibizione all’Arena O2 di Londra, entrò nel guinnes dei primati per la maggior richiesta di biglietti per una singola esibizione dal vivo…

[ot-video type=”youtube” url=”https://www.youtube.com/watch?v=PD-MdiUm1_Y”]

Ma torniamo a noi. Come mai stiamo ricordando e celebrando i fasti di questa straordinaria band? Nostalgia? Improvvisa voglia di sano hard-rock? Anche. Ma non solo questo… Il vero motivo è che i Led Zeppelin hanno annunciato proprio oggi al mondo la riedizione del sesto album “Physical Graffiti“, datato 1975, 16 volte platino, prodotto e rimasterizzato da Jimmy Page!

Physical Graffiti” sarà disponibile dal 24 febbraio nei seguenti formati:

Doppio CDAlbum rimasterizzato contenuto in una replica dell’originale LP jacket

Deluxe Edition (3CD) – Album rimasterizzato in due CD, più un terzo disco di inediti
Doppio LPAlbum rimasterizzato su vinile da 180 grammi (‘sleeve package’ che replica la versione LP originale nei minimi dettagli)
Deluxe Edition Vinile (3LP) – Album rimasterizzato e disco di inediti su vinile da 180 grammi.
Digital DownloadSaranno disponibili sia l’ album rimasterizzato che l’ audio degli inediti
Super Deluxe Boxed Set che a sua volta conterrà:

-Album doppio rimasterizzato in CD contenuto in ‘vinyl replica sleeve’
-Disco di inediti in CD contenuto in ‘card wallet’ con una nuova cover art alternativa
-Album rimasterizzato su doppio vinile da 180 grammi contenuto in uno ‘sleeve package’ che replica la versione LP originale.
-Album rimasterizzato su vinile da 180 grammi contenuto in uno ‘sleeve package’ con una nuova cover art alternativa
-HD audio download card di tutto il contenuto del box a 96kHz/24 bit.
-Libro hardcover di 96 pagine riccamente illustrato di foto rare (e in certi casi inedite) e memorabilia
-Stampa in alta qualità della cover dell’album originale (prime 30.000 numerate).

Questa invece la tracklist:

Disc One

1.“Custard Pie”

2.“The Rover”

3.“In My Time Of Dying”

4.“Houses Of The Holy”

5.“Trampled Under Foot”

6.“Kashmir”

Disc Two

1.“In The Light”

2.“Bron-Yr-Aur”

3.“Down By The Seaside”

4.“Ten Years Gone”

5.“Night Flight”

6.“The Wanton Song”

7.“Boogie With Stu”

8.“Black Country Woman”

9.“Sick Again”

Companion Audio Disc

1.“Brandy & Coke” (Trampled Under Foot – Initial Rough Mix)

2.“Sick Again” (Early Version)

3.“In My Time Of Dying” (Initial Rough Mix)

4.“Houses Of The Holy” (Rough Mix With Overdubs)

5.“Everybody Makes It Through” (In The Light Early Version/In Transit)

6.“Boogie With Stu”  (Sunset Sound Mix)

7.“Driving Through Kashmir” (Kashmir Rough Orchestra Mix)



Related Articles

Weezer, cover e video del nuovo singolo (guarda). Blasfemi o grotteschi?

Weezer, cover e video del nuovo singolo (guarda). Blasfemi o grotteschi?

Storie pazzesche, la recensione del film

Damiàn Szifròn è un regista e sceneggiatore argentino, purtroppo da noi praticamente sconosciuto, ma che grazie a Pedro e Agustin

Boomdabash, in gara a Sanremo con ‘Per un milione’ e ‘Barracuda – Predator Edition 2019’ì a Febbraio

Boomdabash, in gara a Sanremo con ‘Per un milione’ e ‘Barracuda – Predator Edition 2019ì a Febbraio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.