Ronin – Adagio Furioso

Ronin – Adagio Furioso

C’è chi si ricorda di “Bruno Dorella” negli “Ovo” o con i “Bachi da pietra“, o semplicemente per la sua casa discografica “Bar la muerte“, dalla quale sono usciti artisti del calibro di “Bugo“, “Larsen” e “Motorama“, noi oggi parleremo della sua attuale band i “Ronin” e del loro nuovo album, il quinto per l’esattezza: “Adagio furioso“.

Prima di immergerci nell’ album, si deve fare un passo indietro: eravamo rimasti allo splendido “Fenice”, cui era seguito un tour monstre tra
l’Italia e l’Europa, così lungo, serrato e stremante da lasciare svariati pezzi per strada, con l’eccezione del deus
ex machina e titolare del progetto Bruno Dorella appunto, ma nessuna catastrofe, perché fa parte dello spirito dei Ronin il reinventarsi continuamente.

Ci vuole ben altro a fermare Dorella, si è preso il tempo necessario per scegliersi dei nuovi coprotagonisti, strumento
per strumento, e ora (ri)comincia con Diego Pasini (Action Men e Cacao) al basso, Matteo Sideri (Ex Above The Tree And The
E-­‐Side) alla batteria e Cristian Naldi (Fulkanelli) alla chitarra, una formazione giovane ma già potentissima, nell’attitudine come nella tecnica musicale.

Con queste premesse è nato Adagio furioso, un album che racchiude il meglio dei Ronin, 9 brani che scorrono come se si stesse guardando un film, parte lentamente per concludersi furiosamente.

Molto belle “Ravenna“e “Catifish“, ti riportano indietro ad atmosfere da “far west” o a scenari surreali, facendoti ricordare sonorità dei “Calexico“, e pensare a caldi tramonti nei deserti dell’Arizona.

Il mixaggio di Tommaso Colliva e i featuring (Francesca Amati dei Comaneci e Nicola Manzan dei Bologna Violenta fra gli altri) di qualità sono valori aggiunti, e contribuiscono alla resa di un album che oltre ad essere ben pensato è stato anche ben prodotto.

Un ottimo lavoro, che ondeggia tra il malinconico ed il romantico, tra atmosfere “Morriconiane” e “Twin Peaks”, Adagio furioso, si lascia tranquillamente ascoltare, uno stupendo disco strumentale, che innalza la band ancora più in alto e che sicuramente non ha più bisogno di conferme.

Santeria/Audioglobe 2014

[ot-video type=”youtube” url=”https://www.youtube.com/watch?v=Nne4dlEFxL4″]

 

 



Related Articles

Carmen Consoli, L’abitudine di tornare UNIVERSAL

Fa sorridere il titolo di un album che arriva dopo una attesa lunghissima (6 anni). Tempi biblici che solo pochi

Inigo, il nuovo singolo è ‘Mai Fermarsi’ feat Francesco Baccini

Inigo, il nuovo singolo è ‘Mai Fermarsi’ feat Francesco Baccini

Amleto, National Theatre Live – recensione.

“È veramente emozionante poter aprire la nostra produzione teatrale di Amleto ad un più vasto pubblico con il National Theatre

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.