50 sfumature di grigio? Non solo sesso ma anche musica

50 sfumature di grigio? Non solo sesso ma anche musica

Molti/e non ci avranno fatto neanche caso, ma questo film ha anche una colonna sonora. Il film sì, lo abbiamo visto pure noi, e dobbiamo ammettere con rammarico che erano anni che non vedevamo un cinema così pieno in un semplice martedì sera. Da non crederci. Molte le donne presenti, ma non solo donne. Anche ometti e fidanzati delle suddette donne. Il film è un film carino, una storia d’amore in pieno stile hollywoodiano. Se non fosse stato tratto da quel libro sarebbe benissimo potuto essere il remake contemporaneo di 9 settimane e mezzo, anzi, un vero e proprio plagio. L’unica differenza sono i due seguiti sfumati di rosso e di nero. I pratogonisti però, in 50 sfumature, sono molto meno torbidi e sexy rispetto alla Basinger e al Rourke di 9 settimane e mezzo.  Qui abbiamo a che fare con un Twilight in versione “sadomaso”. Scene di sesso ce ne sono, ma niente di scandaloso. È un film d’amore, dove Grey, però, ama solo fare sesso legando, sculacciando, bendando. La gente che si aspettava di vedere un porno al cinema senza vergogna e senza doversi nascondere è rimasto infatti deluso (pare che la James abbia licenziato la regista proprio per il troppo poco sesso presente nella pellicola…). In sala, facevano davvero pena le risate isteriche di donnine che di fronte al primo nudo non riuscivano a trattenersi. Erano a disagio, ma un disagio inquietante. Queste sono quel tipo di donne frustrate e probabilmente con un indottrinamento cattolico da fare spavento. Donne che non chiederebbero mai a un uomo di farle venire se non sono venute. Donne che non sono neanche capaci di godere, probabilmente. Donne che non si conoscono e non sapevano cosa le eccitasse fino a quando non è arrivata la James a permettere alle donne di essere donne e di godere. Ma dovevamo aspettare la James, Cristo, per vedere sdoganare il sesso e un po’ di sano sadomaso (finché non diventa malato e degenerato verso la fine)? Che tristezza e quanta ipocrisia… E come hanno vissuto tutte quelle donne fino a oggi? Non oso immaginarlo… Ah, i libri, comunque, va detto che non li abbiamo letti e non li leggeremo, non ci interessano, ma va forse detto che l’intera serie ha venduto oltre 100 milioni di copie in tutto il mondo e che i libri sono stati tradotti in ben 51 lingue. Misteri della vita…

50-sfumature-di-grigio-640x320

Ma siamo qui per parlare di musica… La colonna sonora, uscita il 9 febbraio 2015, si apre con una splendida Annie Lennox che canta il brano “I Put A Spell On You (Fifty Shades of Grey)”, cover di Screamin’ Jay Hawkins degli anni ’50, un brano bellissimo e sexy, molto adatto per questo film e reso intenso dalla sempre grandissima Annie. Il disco prosegue con artisti dei nostri giorni, come Laura Welsh con “Undiscovered”, The Weeknd, con “Earned It (Fifty Shades Of Grey)” e “Where You Belong”, Jessie Ware, “Meet Me In The Middle”, Ellie Goulding, “Love Me Like You Do”, fino ad arrivare a Beyoncé, presente con ben due brani, “Haunted (Michael Diamond Remix)” e una bellissima e intensa “Crazy in Love” in una versione di Queen Bey che ha fatto il remix rallentando il pezzo e rendendolo sensuale come pochi. Beyoncé che coverizza se stessa è capace di rendere il brano ancora più bello dell’originale. C’è anche la nostra adorata Sia, con la canzone “Salted Wound”, la cantante del momento. Peccato che la gente ci abbia messo almeno dieci anni per conoscerla e a capire quanto valesse. Ma prima si sa, scriveva principalmente per gli altri, anche se di pezzi bellissimi per sé ne aveva già fatti tanti, una su tutte, “Breath Me”, che consigliamo vivamente a chi la conosce ancora solo e soltanto per “Chandelier”.
E poi ancora, scusate se è poco, The Rolling Stones, con “Beast Of Burden” e “Witchcraft” di Frank Sinatra, “One Last Night”, Vaults, “I Know You” di Skylar Grey, “Ana And Christian” e “Did That Hurt?”  di Danny Elfman, celebre compositore americano, meglio conosciuto per aver scritto parecchie colonne sonore per i film di Tim Burton, come Nightmare Before Christmas, La fabbrica di cioccolato, La sposa cadavere, Alice in Wonderland. Ma la lista è lunga. Andate a vedere quante colonne sonore ha composto di film che sicuramente conoscete bene, ne rimarrete stupiti!

Insomma, la Colonna Sonora originale di “FIFTY SHADES OF GREY”, raccoglie nomi storici della musica internazionale e anche nomi più nuovi che stanno però già spopolando. Un po’ come accadde per le colonne sonore della saga di Twiligth, dove era possibile trovare addirittura brani inediti dei Radiohead e dei Muse e che non a caso abbiamo consumato e ascoltato molto ma molto volentieri, indipendentemente dai film. Cosa che può accadervi anche con questa colonna sonora.

60262

Questa la tracklist completa: “I Put A Spell On You (Fifty Shades of Grey)” – Annie Lennox,  “Undiscovered” – Laura Welsh, “Earned It (Fifty Shades Of Grey)” – The Weeknd, “Meet Me In The Middle” – Jessie Ware, “Love Me Like You Do” – Ellie Goulding, “Haunted (Michael Diamond Remix)” – Beyoncé, “Salted Wound” – Sia, “Beast Of Burden” – The Rolling Stones, “I’m On Fire” – AWOLNATION, “Crazy In Love (2014 Remix)” – Beyoncé, “Witchcraft” – Frank Sinatra *, “One Last Night” – Vaults, “Where You Belong” – The Weeknd, “I Know You” – Skylar Grey, “Ana And Christian” – Danny Elfman, “Did That Hurt?” – Danny Elfman.

Guarda il trailer ufficiale del film:

 

 



Related Articles

La Griffe, il nuovo album è ‘Hypno-Pop’

La Griffe, il nuovo album è ‘Hypno-Pop’

Mirkoeilcane, esce il 13 aprile il nuovo singolo ‘Gusti’

Mirkoeilcane, esce il 13 aprile il nuovo singolo ‘Gusti’

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.