Il make-up di Florence Welch

Il make-up di Florence Welch

Vi piace l’effetto smoky-eyes e non sapete nemmeno da che parte incominciare?

Prendete spunto dalla romantica Florence Welch, cantante britannica dai capelli rossi color fuoco e il suo stile bohémien fuori dal tempo.

64ebabf866d2a914e8955eb41e4ae8d3  Florence-Welch

Voce che ti spacca in due, dolce, autoironica, fragile. Icona di stile imitatissima in tutto il mondo per la sua vocazione naturale al vintage. Florence è a tutti gli effetti una preraffaellita moderna, dal graffio sognante indie-rock. Nella musica, chi soffre vince, sempre ammesso che questo malessere così tipico degli artisti non diventi più forte di te. Qui abbiamo un’ennessima dimostrazione di come i fantasmi che ti porti dentro, possano dare vita a qualcosa di etereo e meraviglioso. Ma in un modo assolutamente non banale, of course.

0b2d77c6661b4a9dd79870dd22f44aa4   tumblr_lx55xiKteT1qmjc0bo1_400

Ecco come riprodurre il suo make-up! Ready? Go!

ZERO_preparazione del viso

Su viso pulito e tamponato applicate un po’ di crema idratante, massaggiate e lasciate asciugare. Oltre a rilassarvi, questo piccolo dettaglio riesce a cambiare in meglio la tenuta degli altri prodotti.

UNO_base

Stendete il fondotinta quasi fosse una seconda passata di crema, ma non fatelo assorbire. Nella famosa zona a T, picchiettate. Sfumate bene all’attaccatura dei capelli e sulla mandibola. Applicate il correttore, anche miscelato con il fondo su occhiaie, palpebre e contorno labbra. Aspettate qualche minuto così si assesta il tutto. Passate pochissima cipria trasparente con movimenti circolari del pennello.

DUE_occhi

Passate una linea di kajal nero, se è irregolare meglio! Sfumate bene verso l’alto, e verso l’esterno (mi raccomando, non verso il basso oppure sembrerà che abbiate un’aria triste) Prelevate un pò di ombretto satinato grigio scuro (quasi nero!) con le dita o con un pennello per occhi e applicatelo sopra la matita sfumata. Matita nera anche sotto, ombretto e sfumate. Una passata di mascara… e via.

TRE_labbra

Florence, quando trucca gli occhi lascia le labbra nude. Ottima cosa, perchè vi valorizza di più. Potete optare per un rossetto nude applicato senza contorno labbra a matita per un finish più naturale oppure per un super rossetto rosso che vi renda protagoniste.

LAST but NOT LEAST_check

Controllate che sia tutto a posto. Fatto? Ok! Siete pronte!

974531d9a21e46542b07956fa271d699


La chicca del giorno:

Appena sfumato l’ombretto e siete prossime a una crisi di nervi?

Smart: Gli ombretti satinati low cost sono un investimento simil irrisorio rapporto qualità-prezzo. Evitate quelli mat (non si stendono bene: effetto macchia quasi garantito) e quelli glitter (vi ritroverete con i glitter ovunque tranne che sulle palpebre). Avete paura di sbavare? E’ perchè non fate la base all’occhio! Dimenticate i primer occhi per una volta e andate pure di correttore chiaro e cipria trasparente. Ne basta davvero pochissimo. Anzi, meno di pochissimo! Vi renderete conto che così, si, vi durerà molto di più.

Top: Fissate con la perfezione? I primer occhi aiutano, ma non create paciughi improponibili sovrapponendo troppe texture insieme. Altrimenti invece che evitare quelle odiosissime righine di ombretto depositato nelle pieghine della palpebra, andrete e crearle voi. Tragedia! Comprate solo ombretti di marche professionali che valorizzano l’iride dei vostri occhi e si accostino a capelli e incarnato. Come vi vestirete deve influenzare solo il mood del vostro make-up, non il colore. Mi vesto di un COLORE, quindi mi trucco di quel COLORE? C’è un make-up artist che sviene, ogni volta che sente questa frase! Quindi, fate le brave e scegliete in base a cosa vi sta veramente bene, non in base a quello che credete che dobbiate usare.



Related Articles

Gauguin a Tahiti. il 25-26-27 marzo nelle sale la vita e l’arte del pittore nel suo paradiso perduto

Gauguin a Tahiti. il 25-26-27 marzo nelle sale la vita e l’arte del pittore nel suo paradiso perduto

David Boriani: fuori ‘Becker’, primo EP da solista

David Boriani: fuori ‘Becker’, primo EP da solista

Going Clear: Scientology. Non entrate in quella “chiesa”

In una parola: raccapricciante. Siamo andati a vederlo per curiosità, perché bisogna conoscere il nemico, e quello che è venuto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.