Le playlist di JAYMAG, musica da viaggio by Letlo Vin

Le playlist di JAYMAG, musica da viaggio by Letlo Vin

“Songs For Takeda” è l’esordio discografico dell’artista lodigiano. Il suo è un mix tra le sonorità classiche del folk americano con un piglio vagamente rock che rimanda a Johnny Cash, Pete Seeger, ma anche allo Springsteen più intimista miscelato a suggestioni alla Bon Iver. Per noi il disco nu folk dell’anno, non solo italiano. Considerando le suggestioni del suo album, non potevamo fare altro che chiedere all’artista di stilarci una sua playlist personale per un lungo viaggio in auto.

Ecco a voi dunque ON THE ROAD By Letlo Vin, spiegata e raccontata dallo stesso musicista…

Di Letlo Vin

letlo cover

Ho cercato di scegliere ciò che si addice di più a quello che significa per me prendere una macchina, caricarla di bagagli (o strumenti musicali) e raggiungere una destinazione accompagnati dalla musica e dai colori… due cose che associo spesso e che ho fatto anche in questa occasione.

1) Van Morrison: “Sweet thing”
E’ mattina, tutto è pronto, finalmente si parte! la voce meravigliosa di “Van the Man” raggiunge vette inesplorate. Che sia di buon auspicio. Colore: verde

2) The Waterboys: “Fisherman’s blues”
Un po’ di Folklore irlandese e già  ci si trova a battere le mani sul volante ed a muoversi a tempo. Colore: azzurro

3) 16 Horsepower: “Clogger”
Siamo usciti dalla città. E’ il momento giusto per accelerare. Colore: rosso intenso.

4) The Decemberists: “Make you better”
Il motore è a regime, noi ci godiamo il paesaggio e tutto l’entusiasmo di essere in viaggio. Colori: blu e rosso

5) Aretha Franklin: “I say a little prayer”
La “Queen of soul” ci fa volare senza il minimo sforzo. L’auto sembra letteralmente sollevarsi da terra. Colore: si ritorna sull’azzurro

6) Bon Iver: “Holocene”
Come se il tempo si fosse dilatato, raggiungiamo ora grandi spazi aperti e di montagna. Il sole si rilassa sul parabrezza, la nostra vista è approssimativa… ma che importa? Colore: giallo

7) Damien Rice: “My favourite faded fantasy”
Ed è già sera. E’ stato zitto per 6 anni… e poi se ne esce con un album del genere. Non poteva mancare uno dei pezzi più suggestivi del suo nuovo lavoro! Colori: nero e giallo.

8) Letlo Vin: “Takeda”
Ecco qui un altro che ci ha messo 6 anni per scrivere un album… hey, guarda! il sole sta tramontando! Colore: rosso chiaro

9) Johnny Cash: “Ain’t no grave”
Ed è arrivata la notte. I pensieri cupi ci affliggono e le nostre paure ci perseguitano. Citando Novalis: “O buia notte, le gravi ali dell’anima tu innalzi”. Colore: nero

10) Bruce Springsteen: “We are alive”
E nel mezzo di un deserto di oscurità scorgiamo le luci lontane di un paesino sperduto… dormiremo là stanotte? Colori: nero e beige

11) Arcade Fire: “Ready to start”
Non vedo più nulla… dove sono finite le luci? Aspetta, niente panico, cosa dice Win Butler? “My mind is open wide and now I’m ready to start”, ok… mi fido di lui… Colore: blu scuro

12) The war on drugs: “Red eyes”
Dai che ci siamo! Sveglia gente! Ho guidato tutto questo tempo… qui c’è bisogno di un po’ di energia. Colore: blu

13) The Beach Boys: “God only knows”
Siamo arrivati! E ora di brindare alle prime luci del mattino. “Hey Music… God only knows what I’d be without you” colore: azzurro

BUON ASCOLTO E BUON VIAGGIO!

CLICCANDO QUI PUOI LEGGERE LA NOSTRA INTERVISTA A LETLO VIN
http://www.jaymag.it/2015/04/letlo-vin-lamericano-bassa/


Tags assigned to this article:
bon iverdamien riceletlo vinon the roadplaylist

Related Articles

Mary e il fiore della strega – recensione del film

Appassionati dello Studio Ghibli unitevi tutti! Arriverà finalmente in Italia, come evento speciale per una settimana, il nuovo film del

Gli anni ’90 ci hanno fatto male?

L’altro giorno ero depressa. Tanto per cambiare. Mi sono svegliata e volevo mollare tutto, scappare, farmi del male. È stato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.