Un artista

Un artista

Di: Nicola Barghi

In genere quando ti danno l’appellativo di “artista” non è quasi mai una cosa buona.
Non so se a voi è mai capito, a me spesso, ma non per meriti musicali. In Italia almeno, viene usato nei più disparati modi senza cognizione di causa, basta essere una persona sopra le righe per vederti attribuita l’etichetta di “artista”, quindi non devi necessariamente avere un talento o una predisposizione all’Arte. Certo, se ce l’hai, meglio.

Sinceramente, io sono l’ultima persona che può arrogarsi il diritto di definire questo termine, però più cresco (invecchio, ndr.) e più mi rendo conto che c’è una parte di verità in ciò che dice la gente (pubblico, massa, amici).

Un Artista è colui che piange fino all’ultima lacrima quando la vita lo fa piangere e ride di gusto quando la vita lo fa ridere, che non si vergogna a mostrare le proprie debolezze, che molla tutto quello che sta facendo per stare vicino ad una persona alla quale tiene, che condivide empaticamente e che riesce a tramutare tutto questo in qualcosa di suo e di personale, che sia l’atteggiamento alla vita o un’opera d’arte.
E spesso un’atteggiamento apperentemente leggero nasconde un dolore profondo, lacerazioni che si preferisce superare con il sorriso, “sopra le righe”.

Parafrasando, prima si deve essere Uomo, poi possiamo essere qualunque cosa, anche un Artista.

[ot-video type=”youtube” url=”https://www.youtube.com/watch?v=szn8flcwzLA”]

“ELETTROSHOCK”, questo il titolo del nuovo album di Nicola Barghi, prodotto da RockEstra, disponibile in formato fisico direttamente sul sito dell’artista – http://www.nicolabarghi.com/ – su itunes – https://itunes.apple.com/it/album/elettroshock/id914481104 – e nei principali digital store online tramite Believe Digital.
Le undici tracce che compongono la track list di “ELETTROSHOCK”, nove inediti e due cover, ci regalano un disco eclettico e colorato.
Un progetto discografico italiano ma dal sapore inglese, undici brani che rappresentano a pieno l’anima multiforme di Nicola Barghi: alternando canzoni personali ed intime a tracce pop e dance, liriche che sanno essere surreali e lisergiche così come spensierate, in quello stile brit rock, proprio dell’artista, che rendono “ELETTROSHOCK” un disco elegante e allo stesso tempo energico.
DESCRIZIONE
Attivo fin dai primi anni del duemila, Nicola Barghi attira subito l’attenzione di pubblico e stampa per il suo stile unico ed originale di songwriting grazie al progetto Italian Britpop con il quale, insieme alla sua band e per l’uscita del precedente album Sunny Day, promuove la sua musica in Italia e all’estero.
L’album, uscito nel 2010 con Carosello Records e successivamente con Believe Digital, lo ha portato a suonare anche in inghilterra e in Svezia con oltre 80 concerti in appena 18 mesi ed importanti live da supporter ad artisti del calibro di Palma Violets (UK), Tao Love Bus, Marco Parente, Stefano Bollani e Manuel Agnelli degli Afterhours.
Con 4 albums già all’attivo, ha scritto inoltre quartetti d’archi e musiche per RaiSat, i suoi videoclips sono stati selezionati al MestreFilmFest e a Terre Des Hommes. Dal disco Sunny Day sono stati estratte delle sincronizzazioni per Radio Deejay.
Dal 2013 Nicola Barghi è anche produttore e ha aperto un suo studio di registrazione nelle colline della provincia di Pisa, in Toscana.

www.nicolabarghi.com
https://www.facebook.com/nicolabarghifan?fref=ts


Tags assigned to this article:
editorialeELETTROSHOCK”nicola barghi

Related Articles

Nella stanza (insieme a te?)

Di: Andrea Devis   Nella traccia che da il titolo al mio primo album, canto: nella stanza, insieme a te.

La smetti di svegliarmi nel cuore della notte?

Di: Alessandra Perna Quando mi hanno telefonato per dirmi che era morto non ho pianto. A dire la verità non

Correre nel buio

Di: Alessandra Perna “Che dici, ce la becchiamo la tempesta? “Secondo me sì” “C’è un trucco per evitarla.” “E quale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.