Sei in un film horror se? Non ascoltate quelle canzoni…

Sei in un film horror se? Non ascoltate quelle canzoni…

Inizialmente volevo fare una intervista a Roberto Albanesi, uno figo che insieme a degli amici matti, partendo dalla bassa lodigiana ha tirato su varie case di produzioni indipendenti. Gruppi artistici/cinematografici senza una lira, ora euro,  dalla MaGestic Film alla Viserba Film alla New Old Story Film Nos film (acronimo New Old Story, insieme a Chiesa, Cazzulani e Bravi). Uno che che per dire fa il filmaker per Sky e per la Gazzetta dello sport ma soprattutto insieme ai suoi amici-colleghi della New Old Story ha tirato fuori qualche tempo fa THE PYRAMID, un horror diventato di culto e finito nelle case infestate di giapponesi e americani, per dire.

Roberto Albanesi nasce il 26 Agosto del 1986 (nel cuore degli anni 80, decade che gli rimarrà nel cuore, sia per motivi cinematografici che musicali). Dagli 11 anni in poi scrive e dirige film, prima con giocattoli e poi con esseri umani. Agli esordi ha realizzato parecchi film amatoriali, per poi crescere artisticamente e mettere in fila tre cortometraggi pluripremiati in giro per l’Italia (HAPPY BIRTHDAY, DIESIS e HAPPY EASTER). Ha collaborato con Lorenzo Lepori per il film ad episodi CATACOMBA (omaggio ai fumetti erotici/horror degli anni 70 e 80) e ora è in sala montaggio con NON NUOTATE IN QUEL FIUME, folle film a zero budget girato fra il piacentino e la sua amata Casalpusterlengo.

ALBANESI

Insomma, un tipo giusto, uno di quelli che con la forza della passione ha ridato linfa in particolare al cinema Horror nostrano, partendo dal basso, e dalla bassa. Uno a cui valeva la pena fare un sacco di domande sui trucchi usati nelle scene più crude, su come sceglie le location per ambietare le scene dei suoi film. Per esempio. Il problema è che poi cazzeggiando cazzeggiando siamo entrati talmente in confidenza ed in sintonia che ci è preso il trip di parlare di tutt’altro…

Con uno che odia i LINKIN PARK, la LEGA NORD e ama Springsteen, Morrissey, il piccolo principe, gli anni 80 e i peperoni di cosa potevamo mai partorire?

Tutto è nato quando gli ho detto: “Senti Roberto, io di film horror ne so quanto basta, sono fermo a Profondo Rosso e l’Esorcista. Se faccio domande del cazzo mantieni la calma, niente motoseghe sul mio collo eh”? A quel punto lui ridendo mi fa: “Bhe, ma allora facciamola sporca, voglio tutte domande del cazzo!”.

Bene, accontentato: “Eccoti una serie di luoghi comuni sui film horror, e mo tu me li commenti senza sgozzarmi e ci aggiungi anche una canzone – perché siamo una DIAVOLO di rivista musicale – ok?

 

Ecco dunque cosa succede a dare uno stimolo del genere ad un regista di film horror….

 

Di Roberto Albanesi

LA BAMBOLINA SATANICA

Se non hai afferrato la pericolosità di una bambola a cui gira la testa a 360° e parla lingue arcane mentre ti minaccia di morte (e la sera te la porti pure a letto) allora meriti di essere massacrato al ritmo delle Runaways.

L’ASSASSINO AMMAZZA SOTTO LA DOCCIA

Ogni maniaco omicida è un filino anche maniaco sessuale, quindi, prima di agire, perchè non dare una sbirciatina approfondita alla propria vittima, con questo fantastico accompagnamento musicale?
E poi chissà, magari la foga omicida passa, lei ci sta, e scatta l’ammucchiata sotto il doccino. PSYCHO si trasforma nella scena della doccia de LO SPECIALISTA. Molto meglio per tutti 🙂

SATANASSO ED I SUOI DERIVATI

[ot-video type=”youtube” url=”https://www.youtube.com/watch?v=No1rN1KaG3I”]

Satana non vede l’ora di possedere piccole ragazzine ogni volta che ne ha necessità (e non è stato nemmeno presidente del consiglio per poterselo permettere). Satana non vede l’ora di dominare il mondo (e non è nemmeno statunitense per poterselo permettere). Satana non vede l’ora… vabè al diavolo! Satana secondo me sotto sotto è un tenerone che ama la dream wave e ascolta questo pezzo fra una possessione ed uno sterminio.

Perchè satana è cattivo sì, ma solo perchè ce lo hanno fatto diventare.

MASSACRO NEL CAMPEGGIO, OSSIA, L’ASSASSINO MASCHERATO

Non me lo toglie dalla testa nessuno il fatto che tutti i famosissimi assassini mascherati dei film, altro non sono che persone sole, che cercano soltanto qualcuno che dia loro una pacca sulla spalla, una parola amica, un abbraccio e magari un un po’ d’amore. Quindi nella mia testa, sotto quelle maschere terrorizzanti e dietro quei COLTELLACCI, MACHETI, FORBICIAZZE, MOTOSEGHE, c’è solo un uomo solo (scusate il gioco di parole) che canta FAUSTO LEALI.
UN GRUPPO DI AMICI IN GITA IN AMAZZONIA: MERAVIGLIOSE FORESTE, PAESAGGIO INCANTEVOLE E L’ALLEGRA COMPAGNIA DI SIMPATICI CANNIBALI

Mentre visitate questi meravigliosi ed incontaminati luoghi, cari amici del “turismo mooolto fuori mano”, ascoltatevi questo pezzaccio degli Editors e preparatevi per (diventare) la cena di qualche affamato autoctono. Colonna sonora perfetta per ogni cannibal movie che si rispetti… questo sempre nella mia visione personalissima della mattanza amazzonica.

BAMBINI NORMALI (ALL’APPARENZA) E PSICOTICI (NELLA REALTA’)

Qui non ho voglia di girarci tanto intorno…
Sono dentro un film horror e scopro che il bimbo in questione (quello al centro della vicenda/film) è un finto bonaccione con l’anima corrotta dal male/maligno??? Perfetto! Tiro fuori una mazza da baseball chiodata (se non la trovo in un negozio di bricolage la assemblo con le mie manine) e la uso per mostrare al ragazzino chi comanda. Mentre faccio tutto questo lascio che i Cure accompagnino la mia violenza bruta, per rendere tutto più tenero e farmi sentire meno in colpa (in fondo, è solo un ragazzino).

IL FURBONE CHE PENSA DI AVER FREGATO IL KILLER E POI… CI LASCIA LE PENNE

Se hai messo K.O il killer di turno (e quindi hai più culo che anima) non pensare neanche lontanamente che sia morto per davvero… è vivo, furbo, vegeto e sta solo aspettando che tu ti avvicini quel pelino per staccarti le braccia ed usarle per farsi strada nel tel tuo retto. Non pensarci, ti ha detto bene fino ad ora, quindi prendi e corri piccolo corri piccolo coooooorrrrriiiiiiiiii
LA RAGAZZA CHE RISPONDE AL TELEFONO E CHIACCHIERA COL KILLER DI TURNO, OSSIA, UNA TELEFONATA NON ALLUNGA LA VITA

Ha una voce da mettere i brividi, non è un tuo amico, famigliare e manco un lontano conoscente… eppure tu, ignorantissima vittima di turno, resti in linea con lui e chiacchieri del più e del meno??? Meriti una fine atroce accompagnata dalla voce strappamutande di Nek.

LA CASA INFESTATA CHE NESSUNO VOLEVA AFFITTARE… E TU L’HAI COMPRATA COL SORRISO SULLE LABBRA. BRAVO MENTECATTO!

Hai trovato la casa dei tuoi sogni e l’hai comprata nonostante tutti i massacri avvenuti all’interno in passato? L’hai comprata nonostante tutti gli inquilini precedenti (quelli non morti) ti abbiano assicurato che è bella pregna di fantasmi vendicativi e violenti??? Ok, allora le possibilità sono due: 1- Sei un mentecatto senza appello 2- Sei uno con le palle e niente e nessuno può fermare i tuoi sogni.Mentre il pubblico cerca di capire quale delle tue opzioni ti si addica di più, ascoltati/ascoltiamoci questo bel pezzo che in un film horror non ci entrerebbe manco a spinta.
LO ZOMBIE CAMMINA, TU CORRI COME BOLT DALLA PAURA… E LUI TI MAGNA LO STESSO

Ogni zombie visto da fuori sembra un rincoglionito vittima del dopo sbornia peggiore di sempre. In realtà è un cazzo di rocker spavaldo che avanza lento ma deciso, in quanto consapevole dei propri mezzi e della propria feroce inarrestabilità. Voi correte e vi credete furbi… lui cammina e sa che alla fine l’avrà vinta.



Related Articles

Richard Ashcroft,fuori il 19 ottobre il nuovo album ‘Natural Rebel’

Richard Ashcroft,fuori il 19 ottobre il nuovo album ‘Natural Rebel’

Marco Carta: esce il 21 giugno il nuovo album ‘Bagagli Leggeri’ anticipato dal libro ‘Libero di amare’

Marco carta: esce il 21 giugno il nuovo album ‘Bagagli Leggeri’ anticipato dal libro ‘Libero di amare’

Hans Ulrich Obrist intervista Greg Lindsay urbanista

In concomitanza con l’apertura della 14. Biennale Architettura di Venezia, Palazzo Grassi – Punta della Dogana – Pinault Collection presenta

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.