La playlist dei Smania Uagliuns, “Fare l’amore è un po’ viaggiare” for JAYMAG

La playlist dei Smania Uagliuns, “Fare l’amore è un po’ viaggiare” for JAYMAG

Nuova playlist compilata per JayMag. Questa volta la selezione è dei Smania Uagliuns…

Enzo Lofrano, in arte The Agronomist, e Gennaro Suanno, in arte Pastor Flava, nascono nel 1984 in un paesino della Basilicata, Agromonte. I due si appassionano presto alla musica, in particolare all’hip hop. The Agronomist e Pastor Flava compongono i primi pezzi intorno ai quindici anni per poi iniziare a esibirsi ai festival di paese. Quando arriva il tempo di trasferirsi per continuare gli studi, il duo segue strade diverse: The Agronomist si trasferisce a Roma e Pastor Flava a Modena. Questa migrazione porta con sé una nuova consapevolezza, una voglia di cambiamento che sfocia nella formazione del gruppo Uagliun Ca Smania. Tutto prende forma nel 2003, con The Agronomist nelle vesti di produttore ed mc e Pastor Flava in quelle di mc. Il primo lavoro arriva nel 2004: un demo di sei pezzi, “Ne Vedo 2”, registrato in casa, che riscuote un buon successo e apre delle porte. Dopo questa uscita, i Uagliuns escono dall’ambito regionale e si esibiscono in una serie di concerti in giro per l’Italia. La loro musica è influenzata da diverse sonorità: soul, funk, jazz e un sacco di altri suoni e ritmi non legati alla black music. Nel dicembre 2008 il gruppo pubblica il primo album, “Rural Chic Revolution. Nel 2009 i Uagliuns si esibiscono al Meeting delle Etichette Indipendenti, dove ricevono il premio Hip Hop M.E.I. Nel novembre 2012, il gruppo pubblica in freedownload “Midnight is gone (Pt.I & Pt.II)”. A giugno 2013 arriva il secondo album, “TrogloDigital”, per ReddArmy. A giugno 2014 il loro singolo “Piaccio a Luca”, che racconta una storia di libertà sessuale contro il pregiudizio e la discriminazione di genere, diventa parte della colonna sonora del 28° Festival Mix Milano, dove la band si esibisce dal vivo. Esattamente un anno dopo, pubblicano il disco di remix di TrogloDigital, in cui hanno coinvolto vari producer elettronici italiani in alcuni casi noti anche all’estero.

01 Smania Uagliuns (WEB)

Ecco a voli la playlist “Fare l’amore è un po’ viaggiare” for JAYMAG

Di Smania Uagliuns

Fare dell’amore è un po’ viaggiare, a fari spenti nella notte. L’autostrada sono le sue gambe, l’autoradio è il pc, con screensaver psichedelici, che suona i pezzi che ti accompagneranno in questo voluttuoso peregrinare: lasciarsi guidare dalle curve di lei al ritmo di quel basso, giungere sull’orlo del precipizio e frenare di botto, e infine riaffondare il pedale e saltare nel vuoto…
Sì, ci potrebbe stare anche un religioso silenzio durante la fusione corporale, ma tutti i sensi gradiscono la loro parte e poi… il coinquilino, dirimpettaio, nonna, Gesù, ci sentono se produciamo troppo rumore. Ecco cosa ascoltano i tipici ragazzi con la smania quando si lasciano andare a effluvi sensuali.

The Internet ft. Kaytranada – Girl
Loro li adoriamo, e poi qui c’è Kaytranada, un altro che adoriamo fortissimo… e quindi il pezzo è un loop quotidiano da quando è uscito. L’unico problema qui è che il beat è talmente clamoroso che smetto di procreare e mi metto a fare beat, va.

A$AP Rocky – L$D
Lui ci sta piacendo un sacco. Forse come hip hop tra i favoriti attualmente. “Cerco modi per dirti ti amo, ma non farò mai un pezzo d’amore..” è un po’ il mood delle cose nuove nostre. Fa venire un desiderio concreto di copulare dopo aver assunto L$D

Miguel – The Valley
Stiamo ascoltando ora tutto il disco e ci sta stupendo in super positivo. Le produzioni sono davvero notevoli e pescano dal rock all’hip hop con una pasta generale sporca e graffiata che contrasta con la voce pulita e pop. In più i testi sono diversamente soul. Poi qui si parla di girare un porno, raga… what else?

Abra – Roses
Quando il gioco si fa arduo, versiamo 2 drink beibe e lasciamoci andare sul groove. Questo pezzo ci piace assai: mezza house mezzo soul… sempre il mezzo ci piace a noi. Però non concediamo troppo spazio all’amore. Si parla di sogni infranti e lui alla fine viene accoltellato. Bene.

Lucio Battisti – Prendila così (Delta V Version)
Devi prenderla così e così e così, non ti preoccupare oggi avrò da lavorare tra l’altro. Lucio quante emozioni ci reca, quante sue sfumature si scoprono ogni giorno. Stiamo amando molto Lucio e infatti non vorremmo svelare cose, ma nel disco nuovo ci sarà anche Lucio, sì.

SZA ft. Kendrick Lamar – Babylon
Vabbè e che vogliamo dire di sto pezzo? Quei beat che spettinano i baffi: lei è qualcosa di incredibile… è mega sexy, mega brava, mega diversa dalle altre, è street. Poi ci sta Kendrick. Anche qui ci troviamo di fronte a un pezzo che è così figo che ti deconcentra dalle tue mansioni amorose.

Giorgio Moroder ft. Britney Spears – Tom’s Diner
Un Giorgio in gran spolvero con emhh… sì, lei, esatto. L’originale di Suzanne Vega prendeva benissimo ma qui il Moroder nostro ha ricacciato proprio un pezzone. Si vocifera che Flava abbia fatte sue infinite pulzelle con tale brano. Ossia, mette play e inizia a danzare sinuosamente e le donne non ce la fanno.

D’Angelo – Untitled (How Does It Feel)
Non avremo mai i suoi obliqui, ma possiamo sudare almeno quanto lui mentre ci lasciamo trasportare dall’incedere lento quanto struggente di questo sexyssimo brano. Abbiamo avuto la fortuna di ascoltarlo al suo ultimo live capitolino, tra i più belli e neri a cui abbiamo mai assistito, in 15 minuti di chiusura concerto in cui il suo piccolo classico è stato preso, smembrato, stravolto e fatto esplodere, quasi quanto i nostri ormoni.

Frank Ocean – Thinking About You
Un loop rotondo e rarefatto, un’atmosfera intima e morbida, in cui il buon Frankino prima chiacchiera un po’ con te e la tua donna e poi ti dà una piccola pacca sulla spalla con quel “Do you? Do you?”, alla quale non puoi proprio tirarti più indietro e, all’arrivo del suo infallibile falsetto, buttarti e iniziare a darci dentro. Magari non proprio infallibile come lui, ma almeno provandoci.

Donna Summer – Love To Love You Baby
Una sorta di vessillo musicale dell’amore moderno. La musa di Giovanni Giorgio, che con lui ha raccolto il seme della lussuria e ne ha plasmato un nuovo frutto del peccato, ottimo da mordere sia in pista che in camera da letto, farcito di gemiti, strass e nuovi sfavillanti suoni che hanno fatto epoca… e dato un’altra possibilità ai nostri padri.

BUON ASCOLTO


Tags assigned to this article:
A$APbritney spearsGiorgio Moroderlucio battisti

Related Articles

Il Ricco, il Povero e il Maggiordomo

Arriva il nuovo film di Aldo, Giovanni e Giacomo regia di Aldo Giovanni e Giacomo e Morgan Bertacca prodotto da

Annabit, esce il video di ‘Lampi Blu’, ultimo estratto da ‘Né con Speranza Né con Timore’.

Annabit, esce il video di ‘Lampi Bui’, ultimo estratto da ‘Né con Speranza Né con Timore’

David Byrne (Talking Heads), tour in italia a luglio

David Byrne (Talking Heads), tour in italia a luglio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.