Il Dada Circus…

Il Dada Circus…

Di: Dada Circus

Il Dada Circus scrive canzoni che descrivono con ironia ciò che lo circonda e che vive tutti i giorni nella propria dimensione.
L’occhio che osserva e poi racconta è profondamente propositivo, nel senso che non si accontenta di cullarsi nel dolore di una generazione vittima di troppi cambiamenti, tanti da spaventare. E’ una mente lucida che trasforma in energia, ritmo e testo, quello strato di polvere fatto di critiche ripetute all’infinito che non offre sbocchi da tempo. Non chiede attenzione per alcun messaggio, non ha parole piene di nessuna conoscenza: mostra semplicemente ciò che vede, momenti e immagini molto vari ed eterogenei. Il rifiuto a ristagnare in qualsiasi cliché di questo tempo è accompagnato da una pluralità di scelte musicali. Sei gusti che si intrecciano e amalgamano sono il Dada Circus. Reggae, ska, patchanka, folk, rock, influenze elettroniche, convivono sotto lo stesso nome. DADA non è ció che viene fatto ma il come: la scelta di non regalare nessuna verità e il ricercare per ogni strumento un ruolo che popolarmente non gli appartiene (una chitarra che spesso somiglia a un synth, per esempio). CIRCUS è ció che succede sul palco (oppure intorno, sotto, insomma, nel raggio di un radiomicrofono): tutto è relazione e scambio con il pubblico, gioco e festa.

[ot-video type=”youtube” url=”https://www.youtube.com/watch?v=xl0gq0LNVRM”]

 “Lato del Cerchio” è il titolo del disco d’esordio del Dada Circus. Un concentrato di funambolismi patchanka, gipsy, folk e altre colorate acrobazie, per 10 pezzi in perfetto equilibrio sul filo conduttore rock.  Un album in cui ritmo, ironia e coinvolgente energia si combinano con testi che raccontano storie vissute e voglia di reagire con grinta agli stati di impasse a cui la vita ci sottopone.  

Dietro le quinte di questo efficace moniker si intrecciano le personalità di sei ragazzi della provincia romana differenti per difetti e virtù, per colore dei capelli e interessi.
Il convergere di tratti simili e diversi dà vita ad un’esperienza musicale nuova, reinventata e arricchita nella costruzione del progetto Dada Circus, che nasce ufficialmente nel 2012. Dopo essere stato accolto con entusiasmo dal pubblico durante tutte le esibizioni live che lo precedono, alla fine dello stesso anno viene pubblicato il primo EP “Fuga da Sambeach”, con oltre 400 copie vendute in sei mesi. Inizia un lungo tour di concerti dalla carica travolgente in cui la scrittura sottilmente ironica di Samuele Pasquali, frontman e voce, è accompagnata da Simone Arcangeli (tromba/flicorno soprano), Ezio Bombelli (chitarra), Daniele Di Paolo (chitarra), David Denora (basso) e Fabrizio Candidi (batteria). Nell’anno seguente il Dada Circus si muove inarrestabile in tutte le direzio- ni della bussola partecipando a numerosi eventi, di palco in palco, di città in città, fino ad arrivare a casa propria, nella amata ed odiata capitale. Qui partecipa al concorso nazionale RockTargatoItalia di cui vince la XXV° edizione con un live al Legend Club di Milano, nel settembre 2013. Successivamente il singolo “Stammi a sentire” entra a far parte della compilation “Tutti in aria!!!” di RockTargatoItalia insieme a quelli di altri artisti di fama nazionale.Nel giugno 2013 la band pubblica il suo primo videoclip “Fuga da Sambeach” girato in collaborazione con la JVProduction, alla quale verrà affidata anche la produzione del successivo. Le oltre 14000 visualizzazioni su Youtube e l’apprezzamento dei fan aprono le danze ad un’estate intensa passatà suonando tra festival e contest di ogni tipo: da scARTI di STRADA (durante la quale si esibiscono sopra un camion), Strange Days, Roccalling (secondi classificati), In Vino Veritas a tanti altri. Con il concludersi della bella stagione il bilancio è più che soddisfacente: 26 date nell’estate 2014 e in totale più di 80 nei primi tre anni di vita. Altre soddisfazioni arrivano poi dalla vittoria del AQfestival e dal concorso 1Mfestival organizzato dalla CNI, dove il gruppo si classifica fra i primi 8 in finale su più di 500 partecipanti. A maggio dividono il palco con Fabrizio Moro, aprendo il suo concerto a Guidonia. Il 2015, anno di uscita del nuovo disco, viene inaugurato suonando in piazza Duomo per il capodanno de L’Aquila ed accompagnando i festeggiamenti di migliaia di persone.

DADA CIRCUS SONO:
Fabrizio Candidi: Batteria, percussioni
David Denora: Basso elettrico
Daniele (Dippy) Di Paolo: Chitarra elettrica
Ezio Bombelli: Chitarra elettrica
Simone Arcangeli: Tromba, flicorno soprano
Samuele Pasquali: Voce

Produzione esecutiva: Dada Circus
Produzione artistica: DADa CiRCUS, Fabio Lanciotti
Registrato presso Cosecomuni Recording Studio da Alessandro Sgreccia e Fabio Lanciotti
Missaggio: Alessandro Sgreccia presso Cosecomuni Recording Studio
Masterizzato presso LRS Factory Roma da Roy Bortoluzzi e Giuseppe Zaccari
Stampa e distribuzione: Goodfellas
Artwork: Silvia Cerri e Samuele Pasquali

https://www.youtube.com/user/dadacircustube
https://www.facebook.com/dadacircusfanpage
https://twitter.com/DadaCircus


Tags assigned to this article:
dada circuseditorialelato del cerchio

Related Articles

Ognuno di noi ha già un propria identità

Di: Stella Maris Ci siamo ritrovati a scrivere “Stella Maris” in un momento in cui ognuno di noi ha già

Eclissi di Luna a Milano

Di: Fabrizio Pollio (io?drama/Rezophonic)   Immagina. Un paio di vetrate senza insegna luminosa, con mezza serranda abbassata, in una via

SquadDrone

Di Claudio “Manager” Chiarantoni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.