Intelligenza vs Cancerogeno

Intelligenza vs Cancerogeno

Di: Carlo Cerroni, voce e chitarra degli At the Weekends

Chi dorme di meno è più intelligente, chi è ansioso è più intelligente, chi scorreggia spesso è più intelligente, chi è più intelligente campa più a lungo e anche io che sto scrivendo probabilmente sto diffondendo intelligenza.
Al contrario la carne è cancerogena, i cellulari sono cancerogeni, le sigarette sono cancerogene, il dentifricio, il phon, la TV, tutti cancerogeni, anche questo articolo.
Il mondo quindi è pieno di intelligenti che fanno uso di oggetti cancerogeni, ce lo dice Harvard.
Stamattina ho deciso pertanto di perdermi nella mia intelligenza senza essere intaccato dalle forze del male perché sì, il paradiso è intelligente e l’inferno è cancerogeno.
Cito il mio liutaio: “Ho preparato un piano!”, lo faccio utilizzandone un significato differente, ironico.  Anche l’ironia secondo Harvard è sinonimo di intelligenza, non costa nulla e dovrei averla in qualche cassetto del mio DNA, bene così.
Spengo e distruggo il mio cellulare, vado all’Eurospin più vicino, possibilmente non quello nella zona industriale così evito di respirare strani fumi; naturalmente ci vado a piedi e con una maschera antismog.
Una volta entrato nel supermercato faccio il carico di verdure (possibilmente evito la soia, nociva anche quella) e poi birra, casse e casse. I vegetariani ma soprattutto chi beve birra è più intelligente, soprattutto se di sesso maschile. Devo solo fare attenzione alla quantità di sciroppo di fruttosio, di mais e destrosio, ovvero sostanze cancerogene.
Una volta fatta la mia spesa cerco il bosco incontaminato più vicino che dovrò raggiungere sempre a piedi e dotato di maschera.
Mentre mi incammino parlo tra me e me, il cervello pare diventi più efficiente, continuo anche una volta trovato il posto dove dimorare. Trovo un tronco tagliato dove poter sedere, lo copro con un telo per evitare il contatto con le resine.
Da qui faccio un trittico di ultraintelligenza: mi faccio prendere dall’ansia perché ho paura dei serpenti, la paura mi fa emanare numerosi peti e di conseguenza mi fa dormire pochissimo. Non sarò un principe ma il cervello faticherà a stare dentro la mia testa, questo è sicuro.
Un’ora dopo aver dormito, mi sveglio e mi domando perché se siamo tutti così intelligenti facciamo uso di oggetti nocivi a noi stessi, mi demotivo e torno a riprendermi le radiazioni dell’amplificatore e la mia stupidità.

[ot-video type=”youtube” url=”https://www.youtube.com/watch?v=3P8fQQNHVFY”]

Gli AT THE WEEKENDS sono una rock band italiana nata nel 2009 a Ceccano, in Ciociaria nella provincia del Lazio. La band è composta da Carlo Cerroni (voce e chitarra), Luigi Mosillo (basso e voce), Francesco Salemme (chitarra e voce), Manuel Bianchi (batteria). La proposta degli AT THE WEEKENDS è influenzata dall’alternative rock, dall’indie inglese e dalla wave degli anni ’80. Carlo, Luigi, Salemme e Manuele sono cresicuti ascoltando Nirvana, Death cab For Cutie, Get Up Kids, Strokes e Smiths.
Dal 30 Ottobre sarà distribuito da Goodfellas ‘U’, il secondo album degli At The Weekends, a due anni di distanza da ‘Close To The Highlisghts’. L’album pubblicato dalla Mafi, già al lavoro con Arisa e Iotatolà, sarà disponibile su tutti i digital store e nei migliori negozi.
Nel 2010 Gli At The Weekends hanno registrato e pubblicato il loro primo Ep, ‘Crystal Heart’, lavoro che gli ha permesso di iniziare l’attività live in Italia e all’estero (da segnalare un lungo tour inglese proprio nel 2010) e dividere il palco con artisti del calibro di Verdena, Gang Of Four e Hugo Race & The Fatalists.
Nel 2011 sull’onda lunga del successo del primo Ep gli At The Weekends hanno iniziato a lavorare sul primo full lenght, anticipato dalla cover e relativo video di ‘Goodnight Moon, di Shivaree. Il brano ha avuto un ottimo successo radiofonico ed è stato incluso nella compilation ‘Wait Christmas’, promossa dalla webzine Acidi Viola. Nel 2012 gli ATW hanno registrato il primo album, ‘Close To The Highlights’. Il disco è stato prodotto da Daniele Brian Autore dei Vanilla Sky presso l’Alternative Factory Studio di Roma.
Le 11 killer track di ‘Close To The Highlights’ hanno portato gli At The Weekends sulla bocca di tutti e in tour ovunque in giro per l’Italia. L’uscita del disco è stata accompagnata dal video del brano ‘Suicide Quality’,  prodotto dalla Benchboxheart e diretto da Giuseppe Treppiedi e Francesco Salemme, con le illustrazioni di Valerio Compagnone.
A seguire sono usciti altri due singoli e relativi video per i brani ‘Fog’ e ‘Like A Charm’, entrambi in heavy rotation su Radio Virgin.
Il tour di ‘Close to the Highlights’ ha portato gli At The Weekends a suonare ovunque e condividere il palco con band di caratura internazionale. Blur, Echo & The Bunnymen, The Amplifetes, Marta Sui Tubi e Bud Spencer Blues Explosion sono solo alcuni degli artisti con cui gli At The Weekend hanno condiviso il palco durante il tour di ‘Close The The Highlights’.

‘U’, il nuovo album degli At The Weekends prodotto dalla band stessa e Maurizio Filardo, è in uscita il 30 Ottobre per la Mafi.
Info At The Weekends:
. www.facebook.com/attheweekends?fref=ts
. www.attheweekends.com
. www.twitter.com/attheweekends
. www.youtube.com/user/attheweekends



Related Articles

Non mischiamo le carte

Di: Errico Palese È tardi per la colazione. Qualche cameriere si accinge ad apparecchiare per il pranzo. Non ci sono

Made in Italy?

Di: Piergiorgio Pardo e Diego Palazzo (Egokid) Si consuma il rito dei mondiali. Reduci dalla delusione di una squadra italiana

L’addio di Riccardo Muti. Ecco perché lo ringrazio.

Di: Glenda Frassi Chiunque abbia letto i giornali negli ultimi giorni saprà che Riccardo Muti ha deciso di abbandonare l’opera

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.