Belladonna, esce ‘The Orchestral Album’

Belladonna, esce ‘The Orchestral Album’

I Belladonna hanno dato alla luce “The Orchestral Album“, il “disco più visionario” della loro carriera, come lo descrive la band romana: dieci brani del passato totalmente ri – arrarangiati e registrati con un’orchestra sinfonica.

“The Orchestral album” è stato realizzato grazie al supporto dei fan del gruppo attraverso un’operazione di crowdfounding di grande successo.

I brani sono un connubio magistrale tra il sound noir delle band, le loro liriche oniriche e brucianti ed il tocco raffinato dell’arrangiatrice/direttrice d’orchestra kazaka Angelina Yershova. “The orchestral album” è un percorso sonoro capace di condurre chi lo ascolta in mondi lontani, un viaggio emozionale ed emotivo.
L’incontro straordinario tra la band e l’orchestra (che vanta molti dei musicisti dei quali si avvale il Maestro Ennio Morricone), è stato registrato completamente dal vivo, creando un pathos e una sinergia nei brani che può essere colta sin dal primo ascolto, insieme ad una grande intensità che avvolge ogni nota del disco. Quaranta minuti di sublime.
E per i Belladonna non si tratta di un primo approccio con un’orchestra sinfonica: la band ha scritto e registrato un brano con il compositore inglese Michael Nyman, la parte orchestrale del loro più recente singolo “The God Below” è stata inserita nello spot TV internazionale vincitore del Clio Award per il film blockbuster hollywoodiano “Minions”, ed un arrangiamento per orchestra composto dal loro chitarrista Dani Macchi è nella colonna sonora del nuovo film di Michael Moore “Where To Invade Next”.

 

“The Orchestral Album” è disponibile in download su iTunes e tutte le piattaforme digitali.



Related Articles

La locandiera al Teatro Litta. La recensione

Come può una commedia scritta nel 1753 essere ancora così contemporanea? Bè, è molto semplice: è stata scritta dal drammaturgo

Chemical Brothers, tornano con il nuovo album “Born In The Echoes”

Sarà nei negozi di tutto il mondo dal 17 luglio “BORN IN THE ECHOES”, il nuovo album dei CHEMICAL BROTHERS

Tex: 70 anni di un mito – recensione della mostra

A settantanni dalla sua nascita per opera di Gianluigi Bonelli e Aurelio Galleppini, Milano dedica una mostra davvero imperdibile all’eroe

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.