Silvia Tancredi, seconda edizione del saggio sui talent

Silvia Tancredi, seconda edizione del saggio sui talent

Di Rossella Romano

Talent Show: odi et amo. Croce e delizia della musica italiana ed internazionale. Un format televisivo che ormai conosciamo molto bene. Un meccanismo che si propone come alternativa ai “talent scout”, con l’obiettivo finale di scoprire i nuovi astri nascenti del bel canto. Ma è davvero così? Ad indagare su vizi e virtù ma anche sulle dinamiche di un incastro talmente perfetto tra televisione e sette note da essere reiterato ormai da anni, ci ha pensato Silvia Tancredi con il suo saggio: “La voce e il talent show”, pubblicato per Albatros Edizioni. Il libro, alla sua seconda edizione, raccoglie testimonianze di chi il talent lo ha vissuto da protagonista ma anche di chi ha lavorato e lavora dietro le quinte, rendendone possibile il successo.

“Il volume nasce inizialmente come tesi di laurea. Essendo i talent show un argomento d grande attualità e non essendoci testi in italiano che trattano questo tema in modo approfondito, ho adattato il manoscritto universitario alla pubblicazione. Grazie all’interesse generale per questo fenomeno mediatico sono riuscita a raccogliere testimonianze interessanti e dichiarazioni notevoli. Ho parlato con addetti ai lavori, manager di case discografiche, autori, musicisti noti, turnisti, concorrenti e vocal coach. Avevo il grande desiderio di raccontare un cambiamento, davvero imponente, nel mondo della musica, al quale stiamo assistendo: la contrapposizione tra l’autenticità e il personaggio che spesso viene cucito addosso a chi partecipa ai talent show. Questi programmi sfornano personaggi televisivi, appunto e non cantanti. E’ uno spunto prezioso che mi ha dato il pubblico dei talent che ho intervistato”, racconta l’autrice durante la presentazione del libro presso gli spazi di Milano Musica KF strumenti musicali.

“L’età di chi segue i talent si è molto abbassata”, continua Silvia Tancredi, “si parla di pre adolescenti che frequentano le scuole medie. Essendo io stessa cantante ed insegnante, mi piacerebbe molto che i ragazzi venissero guidati meglio, che gli fosse offerto un raggio ampio di proposte, tra le quali scegliere e sulle quali costruire la propria cultura musicale. Sono e sarò sempre a favore dell’autenticità e dello sviluppo di una propria identità. I ragazzi che partecipano ai talent non sono da biasimare: in un panorama come il nostro, dove i costi della musica dal vivo sono alti per chi gestisce un locale, la gavetta ‘classica’ è molto difficile”, dice ancora Silvia.
Nel volume, che per la sua seconda edizione si è arricchito di un capitolo, spicca la testimonianza severa di Eugenio Finardi: “Tra i musicisti che mi hanno voluto rilasciare una loro dichiarazione sui talent show c’è anche Eugenio Finardi. L’artista ha definito i cantanti che escono da questi format OGM, oggetti geneticamente modificati, in quanto trasformati in tutto per aderire alle dinamiche del piccolo schermo. Un’affermazione forte ma che fa riflettere”, conclude l’autrice.

Silvia Tancredi, oltre ad essere l’autrice di “La voce e il talent show”, è anche una cantante. La sua ultima fatica in studio è “Limine” del 2015, dal quale è stato estratto il singolo “The cage” scelto anche da Mirka Viola per la colonna sonora del suo film “Cam Girl” con Antonia Liskova e Maria Grazia Cucinotta.

Simon Cowell, ideatore di X Factor, una volta disse: «Il talento è solo il punto di partenza, ma oggi non basta più. Bisogna essere giovani, carismatici, glamour, appetitosi per il mercato ed interessanti per il gossip. Solo così si può sfondare nel mondo della musica». E se lo dice colui che ha dato vita ai Take That e alle Spice Girls, bisogna farci più di una riflessione in merito.



Related Articles

Boomdabash, al via il tour Europeo. Il 24 gennaio data speciale a Milano ‘Boomdabash & Friends’

Boomdabash, al via il tour Europeo. Il 24 gennaio data speciale a Milano ‘Boomdabash & Friends’

Faith No More, ascolta il singolo “Superhero”

Il 19 maggio uscirà “Sol Invictus”, il ritorno dei Faith No More dopo 18 anni di assenza dalle scene musicali! Una anticipazione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.