Briga – Talento

Briga – Talento

Esce il 7 ottobre “Talento“, il nuovo album di inediti di Briga, il rapper romano che due anni fa si fece notare nel talent di Maria De Filippi
più per il suo carattere che per la sua musica.

13 nuove tracce, più 4 nella versione deluxe, che mescolano con naturalezza il mondo dell’hip hop con quello del pop in quello che per lui è l’album della maturazione.

Arriva in un completo elegante, camicia da tuxedo e pochette nel taschino, ci saluta uno per uno e si siede al tavolo, pronto a rispondere a tutte le nostre domande.

Il titolo Talento sottointende per Briga il desiderio, il gusto, l’impulso, l’istinto e la passione alla vita: “Sono nato per le sfide dice. Senti lo stomaco smuoversi, il cuore in gola, l’adrenalina in circolo come palline di mercurio impazzite nelle vene. Lettere da sparo, parole come bossoli.

Il mio talento è il mio cuore. Uno spartito che brucia nell’anima e una piscina vuota in cui mi tuffo giù. Solo per ricordarmi che non esiste nulla di più elegante di buttarsi nel buio vestito da sera, sapendo di farsi del male”.

Nella mia testa questo è il disco della maturazione. L’ho progettato per fare in modo che non si skippi neanche una canzone, perchè quando skippi una canzone, è una sconfitta per quel brano. È un disco molto vario, dalla prima traccia rap rock alla Linkin park, proseguendo con il sound molto più estivo di Baciami, al rap con Gemitaiz e  Diazepam, fino al brano totalmente cantautorale Ti viene facile. È il risultato di un lungo cammino in cui ho sempre continuato a cercare nuove forme espressive.”

Un album diverso quindi, con collaborazioni di un certo spessore, “cerco sempre di lavorare con persone che stimo umano oltre che professionale. Con Lorenzo Fragola ci siamo visti a Roma, durante il Coca-Cola Summer Festival: io avevo le prove e lui è rimasto da solo in studio a lavorare a Rimani qui, partecipando anche alla composizione della canzone. Alessio Bernabei mi ha raggiunto a Roma, in studio, per registrare Abbi cura di te, Gianluca Grignani aveva nel cassetto questo brano, Nudo, in più ci sono state altre collaborazioni, come THG, il primo violino di Ennio Morricone, e Fabio Massimo Colasanti, che per vent’anni ha lavorato con Pino Daniele”.

Alla domande se teme che questa scelta di mischiare vari genere possa essere un’arma a doppio taglio risponde così: “Io vivo con la gioia di fare cose nuove, con l’entusiasmo verso l’ignoto e con grande predisposizione all’avventura.

Continuerò ad andare avanti, con il mio team. E magari sbaglieremo, ma l’importante è che rimanga sempre tutta farina del nostro sacco”.

 

Briga presenterà il nuovo disco in un instore tour, al quale più avanti seguirà un tour vero e proprio.

foto 9_(ph Nima Benati) bassaBriga_jaymagbriga_jaymag

 

[ot-video type=”youtube” url=”https://www.youtube.com/watch?v=xo6wK2qP4AU”]



Related Articles

Intervista ai Blastema

Jaymag ha intervistato i Blastema per voi in occasione dell’uscita del loro album “Lo stato in cui sono stato” e dopo

Modena City Ramblers, nuovo album e intervista

Tracce Clandestine, il nuovo album dei Modena City Ramblers, in uscita il 24 marzo conterrà cover come “The Ghost Of

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.