The Circle, arriva il featuring con Fractae per il remix di HWIR

The Circle, arriva il featuring con Fractae per il remix di HWIR

I The Circle, i quattro ragazzi di Torino che si erano trovati in un testa a testa con i Coldplay, raggiungendo il secondo posto della classifica alternative di iTunes con il loro disco d’esordio Life In A Motion-Picture Soundtrack (2014), si presentano in un’insolita veste. Più urban che mai, i quattro musicisti pubblicano un video inedito e un nuovo remix, firmato dal cantautore-elettronico Fractae, di HWIR, il brano che chiude il loro ultimo album How To Control The Clouds, uscito il 25 ottobre 2016.

HWIR (acronimo di Happy When It Rains)”, raccontano i The Circle, “è molto più di una semplice canzone, è il viso di una ragazza. Sono i suoi occhi che ridono in quella foto. Pioveva forte. L’acqua impregna i sorrisi e lava i colori”.

Per questo remix di Happy When It Rains, i The Circle – al secolo Federico Norcia (testi, voci, cori, chitarra), Marco Marzolla (batteria), Lorenzo Bevacqua (basso), Giuseppe Gamarra (chitarre) – hanno fuso le loro raffinate e meticolose sonorità, perfettamente pop, con le frammentate trame elettro-pop, ispirate all’architettura e alla fotografia urbana, di Fractae (nome d’arte di Paolo Caruccio).

“In HWIR ho cercato negli elementi ritmici il movimento incessante delle gocce d’acqua che cadono”, spiega il producer torinese, “ho remixato il brano dandone un’interpretazione gioiosa, con una leggera tinta di malinconia che si risolve nello scrosciare dell’inciso, liberatorio come un diluvio”.

Il risultato è un remix che alle chitarre acute e agli eleganti arrangiamenti del brano affianca articolate spirali di suoni elettronici, dando forma a una seducente power ballad ibrida, sospesa tra dinamiche pop e frequenze elettro.

A suggellare la collaborazione tra i The Circle e Fractae, anche un nuovo video appositamente pensato per il remix di HWIR. Nella clip, tra giochi di cromie e atmosfere vintage, riscaldate da fiamme e lampi di passione, le vere protagoniste sono le lyrics del brano che trascinano lo spettatore in un ipnotico viaggio multisensoriale fatto di emozioni e straordinarie melodie. Il remix sarà ufficialmente disponibile a partire dal 31 marzo, in vendita nei maggiori digital store.

I The Circle nascono nel 2012 da un’idea di Federico Norcia (voce) e Marco Marzolla (batteria), due studenti con una passione viscerale per la musica, che il caso ha fatto incontrare tra i banchi dell’Università di Torino. Nel 2013, la line-up definitiva con l’ingresso nel gruppo di Giuseppe Gamarra, Alessandro Strumia (chitarre) e Lorenzo Bevacqua (basso). Nel 2014 la band pubblica il suo album d’esordio, Life In A Motion-Picture Soundtrack, prodotto in collaborazione con Omid Jazi, tastierista live dei Verdena. Nelle prime settimane di vendita al pubblico, l’album raggiunge la seconda posizione della classifica alternative di iTunes, entrando anche a far parte della top-100 degli album più venduti in Italia e suscitando l’attenzione di quotidiani nazionali del calibro di Internazionale e La Repubblica, che definisce i The Circle come “I cinque torinesi che sfidano i Coldplay”. Nell’ottobre 2014 esce il videoclip di Green Like Soul (Part I), primo singolo estratto da Life In A Motion-Picture Soundtrack, grazie al quale la band viene selezionata da MTV New Generation come artista Just Discovered della settimana”. Il 25 ottobre 2016, dopo l’addio al gruppo di Alessandro Strumia, esce il secondo album How To Control The Clouds, un racconto vibrante e appassionato dei mille volti dell’amore e delle emozioni nascoste nelle piccole cose.

 

 


Tags assigned to this article:
fractaeHWIRRemixthe circle

Related Articles

I Cani, nuovo pezzo a sorpresa (ascolta) e nuove date

Pochi giorni fa hanno pubblicato a sorpresa “Baby soldato” dopo essere stata annunciata via Twitter dal conduttore e attore Alessandro

BRUNORI, da SAS a SRL per la nuova tournée teatrale

Dario Brunori è stato l’artista italiano dell’anno, da qualsiasi punto di vista la si guardi. Il primo punto di vista

Don Giovanni al Teatro Nuovo, la recensione

Mezzora di ritardo è un po’ esagerata, anche se si tratta di una prima, soprattutto se questa mezzora la passi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.