The Cleopatras, tra rock ‘n’ roll e power pop ecco il nuovo album ‘Cleopower’

The Cleopatras, tra rock ‘n’ roll e power pop ecco il nuovo album ‘Cleopower’

Di Rossella Romano

Tornano a tre anni dall’uscita del loro ultimo album, tornano più energiche che mai le Cleopatras. Si intitola “Cleopower’, pubblicato da Ammonia Records, il nuovo lavoro in studio della band, tutta al femminile, nome di punta della scena garage punk italiana.
Tematiche che esplorano l’universo “in rosa”, che poi diciamocelo, più tanto in rosa non è: indipendenza, parità, consapevolezza e libertà di essere. Girl power, insomma.
Il tono ironico e scanzonato dei precedenti lavori lascia il posto a testi più esplicitamente provocatori e incentrati intorno a situazioni in cui le donne sono vittime di stereotipi o di cliché
Il disco è composto da 11 tracce e si sente parecchio rock’n’roll. Non manca, però, una base di buon vecchio garage-rock, del sano punk-rock e del power-pop fresco fresco. Il tutto speziato con influenze surf e atmosfere pulp.
.Oltre ai brani inediti delle chicche: nella tracklist vengono proposte anche delle rivisitazioni, tra cui “Can Your Pussy Do The Dog?” con cui The Cleopatras hanno voluto omaggiare uno dei loro gruppi di riferimento, gli statunitensi, padri dello Psychobilly, The Cramps.
Cleopower è stato registrato e mixato da Carlo Izzo tra L’Elfo Studio di Piacenza ed il Big Pine Creek di Parma.
L’artwork è stato curato da Fabio Molinaroli (Moka Ultra Pop Design).

Le Cleopatras sono Camilla, Rossana, Alice, Darleen e Marla. Le ragazze calcano le scene del rock’n’roll in Italia e in Europa dal1998 e nel corso della loro carriera hanno aperto i concerti di bands come Morlocks, Pretty Things, The
Pandoras, The Real McKenzies, The Lords of Altamont e partecipato a molti festival quali Festival Beat, Rebellion Festival (UK), Estathé Market Sound e BusOne trai tanti


Tags assigned to this article:
Ammonia RecordsCleopatrasCleopowerdisconuovo

Related Articles

Questione di stile – Johnny Cash

 “Colpisco me stesso oggi, per vedere se provo qualcosa… Mi concentro sul dolore,  l’unica vera cosa che c’è”. Nato a

Sfumata grigia

di Ermione Ammetto di aver tentato di leggerlo. Confesso, e senza alcun senso di colpa, di averlo chiuso e riposto

Bop & 291out, esce ‘L’alba dei vinti’: tra synth pop ed elettronica, la colonna sonora oscura degli ‘sconfitti’ odierni

Di Rossella Romano Una soundtrack perfetta per tutti i “vinti” contemporanei dal fascino oscuro e allo stesso tempo scintillante delle

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.