Underground Shoes supporta il nuovo sound britannico con il progetto ‘Soundwave’, fucina di talenti

Underground Shoes supporta il nuovo sound britannico con il progetto ‘Soundwave’, fucina di talenti

Di Rossella Romano

Inghilterra, 1981. Siamo a Manchester, città dai natali industriali, divenuta fulcro di movimenti artistici, ma soprattutto musicali. La controcultura, la ribellione, l’evasione dai dettami di una vita che rimane troppo legata alle tradizioni. “No Future”, cantavano i Sex Pistols. E proprio sulla scia riot e di opposizione prende vita la scena punk, calda in quegli anni su suolo britannico.

Nel cuore di Manchester apre il primo shop di Ungerground Shoes, il cui cuore pulsante era la proposta di calzature non convenzionali. Attorno al negozio comincia a ruotare un pubblico decisamente alternativo, non solo punk ma anche new romantics e goth. Musica che si unisce ad uno stile unico. Look veri emblemi della subcultura inglese, che negli anni si diffonderà a macchia d’olio in Europa e Oltreoceano. Ben presto Underground Shoes sbarca a Camden, quartiere alternative per eccellenza, diventando subito un punto di riferimento per tutti i ribelli.
Un modello iconico del brand per tutti? Le Creepers. O più precisamente, le Wufrun Creepers. Nate nel 1987, queste calzature, le più celebri del marchio, prendono il nome dal Wulfrun, club londinese dove di esibivano dal vivo gruppi alternative.

La coesione con la musica è da sempre stato un punto di forza di Underground Shoes, che ha lanciato il progetto “Soundwave”. Una fucina di nuovi talenti, scelti da uno staff selezionato dal brand per il loro stile musicale e il loro spirito indipendente, tra gli astri nascenti della subcultura brit. Rock, indie, grime e punk, patrimoni made in UK per eccellenza ed essenze alla base di Underground Shoes, sono gli habitat naturali da cui provengono gli artisti supportati dal marchio. Grazie al progetto “Soundwave”, i musicisti vengono sostenuti in termini di visibilità attraverso il blog del marchio e i social media con un particolare focus sugli appuntamenti live che li riguardano.
Underground Shoes è inoltre sinonimo di stile: i talenti hanno anche a disposizione dei capi e delle calzature per rendere al meglio il loro look sul palco e nella vita.
Sono già tanti i nomi che sono entrati a far parte di “Soundwave”: Rachel Foxx, Nova Twins, Snowy, Syron e The Lodgers fra i molti (elenco completo qui)
Ma i progetti di Underground Shoes relativi alla musica e ai nuovi talenti sono molto più ambiziosi.
Stay Tuned!
Per tutte le info è possibile visitare il sito: http://www.underground-england.co.uk/soundwaveconcept.php

 

                                                           Underground Shoees- Soundwave

 

Underground Shoes- Soundwave



Related Articles

Marco Mazzoni da Bonelli a Milano, recensione

Purtroppo il nome Marco Mazzoni non dice molto all’italiano medio, anzi, non dice molto neanche a un italiano esperto d’arte,

Codice Atlantico. Leonardo a Milano, recensione

Icona di italianità, inventore per eccellenza, oltre che grandissimo artista, Leonardo Da Vinci, seppure nato in provincia di Firenze, è

Lana Del Rey – Ultraviolence

Questo è un bel disco. Un gran bel disco. Eppure gli manca qualcosa… Abbiamo adorato e consumato il primo album

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.