MR EVERETT presentano “Uman”, l’intervista

MR EVERETT presentano “Uman”, l’intervista

MR EVERETT è il prodotto delle menti di quattro ragazzi con base a Bologna uniti dal desiderio di portare la perfomance nell’electropop, senza disdegnare incursioni nell’EDM da club. UMAN è ufficialmente il primo EP, in uscita il 24 novembre per l’etichetta Collettivo HMCF.
MR EVERETT è un non-personaggio, un’identità collettiva che nasce dall’unione di tre animali e un cyborg,Rupert. Rupert è arrivato sulla Terra dopo un viaggio trans-dimensionale che lo ha lasciato senza memoria.
L’EP UMAN, uscito il 24 novembre per l’etichetta Collettivo HMCF, è un cyber-pop performativo che unisce l’elettronica da club al mondo della performance, impreziosendo il tutto di sfumature pop e affrontando temi importanti quali il confronto con l’altro e la natura del doppio (Be You, Twins), la riscoperta del corpo (Japanese Safari) e dei sentimenti (Rollercoaster, Wicked Game). In linea con i 4 brani inediti, all’interno dell’EP è presente un mash-up di Crystallised dei The XX e di Wicked Game di Chris Isaac.
UMAN è il primo dei due capitoli che andranno a comporre l’album UMANIMAL, previsto per la primavera del 2018.
“THIS IS MR EVERETT AND I AM RUPERT.”

Qual è il percorso che vi ha portato a UMAN, il vostro primo EP?

UMAN è una parte del nostro primo LP, UMANIMAL, che uscirà in forma completa nel corso del prossimo anno. Con Mr Everett tentiamo di dare voce e raccontare il rapporto uomo-altro, sia esso tecnologia, natura o ibrido – il Postumano. UMAN racconta della natura umana, dei sentimenti umani, della paura dell’uomo nei confronti della tecnologia e del rapporto burrascoso e fraterno che l’umanità sta imparando a sviluppare con le “nuove intelligenze artificiali”.

– Il gruppo porta con sé una forte componente “narrativa” che dà vita a un essere “vivente”: chi è Mr Everett?

Mr Everett è un’identità collettiva, un gruppo di teste (operanti 8, performanti 4) che vuole presentare un modo differente di pensare e vivere la performance elettronica.
Mr Everett è anche colui che ha teorizzato i Multiversi. Mr Everett è Dylan Dog. Mr Everett è l’uomo tecnologico. Mr Everett è Dylan Thomas. Mr Everett racconta i Multiversi, racconta le varie possibilità, e i temi di UMAN parlano proprio di una parte di queste possibilità dell’essere.
– Potete quindi definirvi una “concept band”?

Non direi. Concept ha talmente tante sfaccettature linguistiche che è praticamente impossibile dire che esiste qualcosa come un “concept”, un concetto. Se già di per sé Mr Everett parla di molteplicità, come fa ad essere un concetto unico? Supercazzole teoriche a parte: il concept trainante è quello della storia di Rupert, il cyborg, e del suo girovagare in questa dimensione alla ricerca del sé.

– Mr. Everett sembra riflettere perfettamente la società di oggi, fatta di contrasti e dualismi. Anche nei vostri testi coesistono nature opposte?

Decisamente. La nostra intera poetica è basata sul dualismo (o il pluralismo).
Nel testo di BE YOU, ad esempio, l’uomo e la macchina si rincorrono, si avvicinano e si scoprono: “I want to be like you” – Chi vuole essere cosa?
JAPANESE SAFARI è un viaggio nella (ri-)scoperta dell’uomo-macchina: cosa prova? Sente qualcosa?
In TWINS e ROLLERCOASTER il rapporto è portato allo step successivo: da una parte c’è la delusione, conosciuta accademicamente come “ELIZA Effect”; una sorta di affetto e angoscia (ROLLERCOASTER), mentre dall’altra la coesione, la voglia di fiducia, la tensione verso una tanto agognata unione (TWINS).
Il mash-up è un omaggio all’atmosfera originale dei due pezzi, che raccontano come rapportarsi intimamente con l’amore, nel nostro caso l’amore perturbante verso l’altro, il diverso.

– Nella tracklist di UMAN risalta subito il mash-up di Crystallised (The XX) e di Wicked Game (Chris Isaac). Come è nato?

È nato in studio. Lavorando per le cover da portare in quel mondo particolare e surreale che è la televisione (X Factor) ci siamo ritrovati a ri arrangiare Wicked Game per tentare di portare il pezzo nel nostro universo. Nelle pause tra una take di voce e l’altra, Mr Owl (la voce di Mr Everett, ndr) ha improvvisato qualche strofa di Crystallised e quindi ci siamo detti… Perché no?

– Quali saranno le prossime avventure di Mr. Everett?

Stiamo lavorando per portare il cyborg Rupert e il nostro show davanti a più persone possibili. Nel corso della nostra attività abbiamo avuto la fortuna di girare molto per l’Italia e la risposta del pubblico è stata sempre tra la meraviglia e lo sgomento (buon segno).
A Dicembre ripartiamo col tour di UMAN, una Live Cyborg Performance, come la definiamo noi: uno spettacolo audiovisivo immersivo tutto da provare.


Tags assigned to this article:
bolognaEDMepintervistaMR EverettUman

Related Articles

Neffa, intervista

Di Francesca Binfarè Rap, soul, punk, pop: tutti generi che Neffa ha suonato, proposto e vissuto lungo un percorso di

Vascombriccola, altro che Tribute Band!

Un tempo si chiamavano Cover Band, suonavano in piccoli pub di provincia ed erano considerate band di serie b, gente

Joe Jackson, quattro date a marzo in Italia

Joe Jackson, quattro date a marzo in Italia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.