Far amare tutta la musica a mia figlia

Far amare tutta la musica a mia figlia

Di: Arvioux

Nella nostra società, soprattutto nella cultura di massa, spesso l’individualismo e le personalità vengono omologate ad un unico o pochi modelli da seguire ed imitare, creando così persone senza gusti propri tutte simili tra loro.

I bambini sono i primi ad essere influenzati e sono le vittime inconsapevoli del consumismo.

Questo confuso e veloce consumo di prodotti riguarda anche la musica che i piccoli ascoltano o viene fatta loro ascoltare.

Io da padre di una bambina di 8 anni ho deciso di contrastare la massa ed iniziare ad educarla alla varietà e vastità di scelta musicale di cui può usufruire di questi tempi. Basti pensare alla facilità che abbiamo di ascoltare ciò che vogliamo e quando vogliamo grazie alla tecnologia. Perché penso che apprezzare tutti i tipi di musica aiuti ad apprezzare le diversità del mondo dando apertura mentale.

Mia figlia sta passando la fase, come molti suoi coetanei, di ascoltare quello che la massa propone. Ovvero i talent ed i tormentoni estivi che diventano ancora più un tormento durante le festine di compleanno. Quindi, senza una vera strategia su come muovermi, ho iniziato a farle ascoltare brani di generi ed anni diversi, passando dai Daft Punk e Battisti, i Radiohead e Bob Marley. All’inizio, soprattutto sui brani più datati, mi diceva che era musica vecchia, oppure su altre con parti strumentali chiedeva quando avrebbero iniziato a cantare. Dopo diversi e differenti ascolti ho potuto ritenermi soddisfatto quando ha apprezzato sia A day in the life dei Beatles, sia l’attuale La notte è giovane di Paletti, oppure quando ballava sui remix di Skrillex.

Spero che tra qualche anno quando qualcuno chiederà a mia figlia qual’è il suo cantante preferito lei risponderà: “Non ho un cantate preferito! Amo tutta la musica”.

 


Bio:

Dopo alcuni mesi di ricerche Alberto Gatti, cantante e musicista bresciano, trova finalmente la sua dimensione nel 2013 iniziando a produrre nel suo studio casalingo alcuni brani che miscelano le sue influenze musicali in un sound elettronico. Soddisfatto del risultato Alberto decide di creare un nuovo progetto dal nome Arvioux. Tra l’estate e l’autunno 2014 entra in studio ed inizia la produzione del primo lavoro mixato da Michele Coratella, masterizzato da Giovanni Ferliga (Aucan) e con la collaborazione in alcuni brani del musicista e produttore veronese Matteo Cozza. Nel 2015 pubblica il primo singolo “Choices”, brano che gode di numerosi passaggi radiofonici e, grazie al video, diventa Artista della settimana su Mtv New Generation. A  maggio 2016 pubblica il primo Ep “Ourview” (Costello’s/Believe Digital).
Verso la fine del 2016 inizia a lavorare e registrare del nuovo materiale e nella primavera del 2017 vola a Berlino al Clockbeats Studio di Stefano Moretti dove con lui produce il secondo Ep. Quattro tracce dove l’elettronica è il filo conduttore tra  Pop, Synth-pop, Funky e gli anni 80 e 90.
Dal nuovo ep “A safe place” verrà estratto come singolo il brano “Insecure”, cantato con Filippo De Paoli voce dei Plan De Fuga, e sarà pubblicato nel 2018.



Related Articles

Bootleg e Mash-Up nell’epoca moderna

Di: Rudeejay Quanto si parla di Bootleg e Mash-Up, recentemente? Tantissimo, ma se credete che questo sia un fenomeno nuovo,

Osservazione Autodidatta di un “EX”(wave) accademico

Di: Luca D’Alberto (Ex Wave) Sogno un mondo libero dove gli accademici si innamorino degli autodidatti e viceversa…per un remake

Come uccidere un usignolo

Di: Ernia “Arriva un momento nella vita durante il quale ci si inizia a sentire insoddisfatti, come schiacciati da un

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.