Il fuoco parte da una scintilla e via dicendo

Il fuoco parte da una scintilla e via dicendo

Che cosa, sarebbe giusto farti sapere? Probabilmente che si comincia sempre dallo stesso punto. Il fuoco parte da una scintilla e via dicendo. Lascia perdere. Noi il fuoco lo alimentiamo convogliando il vento in un’enorme conchiglia, ma un vecchio raccontava che si può fare anche in altra maniera. Noi no, mai. Ora, non dovresti star lì a guardare se dall’uovo poi esce una vipera o una fregata a vele spiegate, l’importante è fare attenzione che non se ne vada, almeno fino a quando tu non sia riuscito a salirci, in groppa, o a bordo, è chiaro. Prima di poter arrivare passeranno ancora molta acqua e terra. Cautela, tutto fila estremamente veloce. La scorciatoia sul tempo potrebbe essere saltare su ciò che il fiume porta verso il mare, potresti trovare un nuovo percorso o cadere ed essere trascinato giù nel labirinto che risiede sul greto, in profondità, nello stomaco del serpente. Se non perdi la ragione nel tempo che i tuoi polmoni ti concedono, puoi provare a uscirne. Puoi ragionare col croupier dalle corna e gli zoccoli, o, in alternativa al suo full di re, seguire le bolle che scivolano isteriche sul soffitto cercando di tornare nuovamente al cielo. La Luna ti indicherà la strada. Lasciandoti portare dalla sensazione di una mano stretta alla tua, riemergerai altrove. In lontananza, l’officina dei fabbri senz’occhi lavora a pieno regime, dal crogiolo fuoriesce luce abbagliante, e neanche tu ci vedi e la vedrai più, e ti stropiccerai le palpebre di fronte al portone della locanda, dove da sempre tutto ha inizio.


BIO

Serpe In Seno è un trio.
Un triangolo di piombo, dagli angoli netti ed appuntiti.
la Batteria viene punita, il Basso scava solchi nel suolo, La Voce vomita elettricità.
 
l’attività live comincia nell’estate 2015 dopo diversi mesi di lisergica sperimentazione sui suoni
sui ritmi e sulle vibrazioni,  e sul loro effetto sul fisico umano.
 
Viene quindi eretto un liveset granitico, denso ed aggressivo.
 
Dividono il palco con Zu, il Teatro degli Orrori, Zeus, Putiferio, Linea77, Karma to Burn, Lume, gli Sportivi, Ojm, Wora Wora Washington, Leeroy, Mistonocivo, Giorgio Ciccarelli e molti altri ragazzi in gamba,

il primo album -SerpeInSeno- è un vinile di 10 tracce registrate e mixate da Giulio Ragno Favero.
 
 
Serpe in Seno è  come dovrebbe suonare il rock’n’roll nel 2030
 
per gli amanti di  DeathFromAbove 1979 – Battiato – Aphex Twin – Melvins


Tags assigned to this article:
editorialeserpe in seno

Related Articles

Ci vuole una vita per diventare bravi in qualcosa

Di: Alvise Rittà Ziliotto / Vox Delitto «Devi scegliere bene in cosa diventare bravo». Si chiude così la prima stagione

La lunga diatriba tra irrazionale e razionale nella musica

Di: Renato Caruso Nella musica tante e grandi sono state le diatribe: tra le più rilevanti, la prima riguarda il

Correre nel buio

Di: Alessandra Perna “Che dici, ce la becchiamo la tempesta? “Secondo me sì” “C’è un trucco per evitarla.” “E quale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.