C’è tutto il tempo per dormire sottoterra

C’è tutto il tempo per dormire sottoterra

Di: SPREAD

Sono passati sei anni dall’uscita di “C’è tutto il tempo per dormire sottoterra”. E sono già passati più di tre anni dall’ultima volta che abbiamo messo piede su un palco. Il tempo fugge, che novità!

Nei momenti di pausa la nostra energia ha continuato ad accumularsi, in attesa che tutti noi avessimo il tempo e le energie mentali per poterci davvero rimettere in gioco.

Ci siamo mossi senza fretta anche quando abbiamo ricominciato a lavorare con continuità.

Nessuno di noi si è imposto, le nostre idee si sono sviluppate da sole, semplicemente suonando insieme. Il tempo passato è servito ad evitare di ripetersi, a lasciare spazio ad un suono nuovo.

Nel frattempo noi siamo cambiati e la nostra musica si è evoluta con noi senza minimamente doversi sforzare in questo senso.

Gli anni inquieti dell’adolescenza che si ripercuotevano nei brani facendoli risultare feroci, folli, senza speranza, lasciano oggi spazio a riflessioni più equilibrate, a tratti serene mantenendo però una vena di ansia pronta ad esplodere improvvisamente.

“Vivi per Miracolo” racconta un po’ di noi, del miracolo di essere vivi, di dare la vita, di gustare la vita e il senso di caducità che ci può attraversare anche i momenti più felici.

PS: devo assolutamente fare tre importanti ringraziamenti: UNO Alberto Ferrari che ci ha dato l’eccezionale possibilità di esprimere veramente noi stessi con una tecnica di registrazione “Very Old School” che ha catturato l’essenza più autentica della band; DUE la nostra etichetta GoDown Records che ha creduto in noi anche se abbiamo “dormito sottoterra” per tanti anni; TRE ringrazio i miei compagni di band che hanno conservato la stessa passione e la stessa voglia di sperimentare che avevano quando li ho conosciuti mille anni fa.

Ci vediamo in giro!

Bio

Gli Spread sono una band bergamasca che dopo diversi live e un demo autoprodotto, nel 2009 presentano il primo album “Anche i cinghiali hanno la testa”, un disco con sonorità potenti che spaziano dal grunge allo stoner.  

Dopo un tour con live di forte impatto rock, iniziano le registrazioni per il secondo album, terminate nella primavera del 2011 quando esce “C’è tutto il tempo per dormire sottoterra” disco completamente differente dal precedente, con una vena spiccatamente progressive/sperimentale.

Il successo di questo secondo lavoro ha lanciato la band in un lungo tour che li ha portati per 2 anni sui migliori palchi italiani. In questo periodo hanno avuto il piacere di esibirsi condividendo il palco con band come Afterhours, Diaframma, Luci della Centrale Elettrica, Marlene Kuntz, Verdena e molti altri…

Dopo una lunga pausa, gli Spread sono tornati con un nuovo disco registrato da Alberto Ferrari.

“Vivi per miracolo” include 10 nuovi brani ed uscirà il 30 marzo 2018 per l’etichetta GoDown Records e distribuito da Music For The People.


Tags assigned to this article:
articoloeditorialegruppomusicaspread

Related Articles

Parlando di Hype

Parlando di Hype. Nuovo editoriale dei Plastic Light Factory

L’improbabile virtù dell’ignoranza

Di: Richard J Aarden Sono riuscito a chiudere il rapporto con la Facoltá di Ingegneria portando a casa un sudato pezzo

Intelligenza vs Cancerogeno

Di: Carlo Cerroni, voce e chitarra degli At the Weekends Chi dorme di meno è più intelligente, chi è ansioso

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.