Tonya, la recensione del film

Tonya, la recensione del film

Pattinare sul ghiaccio è pura magia, è un po’ come volare. Ho pattinato sul ghiaccio per tanti anni, per poi capire che ci vuole un fisico e una costanza inimmaginabili. È stremante, stancante, difficilissimo, e costoso. Avrei voluto iniziare a pattinare a dieci anni, ma già all’epoca iscriversi a un corso costava un milione di lire, esclusi i pattini, (carissimi anche loro) i vestitini ecc.

Sono più che comprensibili e veritieri i sacrifici che la madre di Tonya, (Allison Janney, vincitrice dell’Oscar per la sua interpretazione) ha dovuto affrontare per riuscire a far pattinare la sua bambina. Per una povera famiglia della provincia americana, non è facile permettersi uno sport del genere, e quando ci riesci, vieni comunque giudicata perché non sei ricca, non sei abbastanza aggraziata, i tuoi costumi non sono belli e costosi perché te li fa la mamma con le sue mani, e nulla sembra essere mai abbastanza. Ma Tonya è brava, la più brava, l’unica donna al mondo a riuscire a fare un triplo axel, il salto più difficile.

Tonya ce l’ha messa tutta, e più la madre la sgridava, la picchiava e la insultava, e più Tonya pattinava meglio. Il pattinaggio sarebbe potuto essere la sua salvezza, la sua rivincita, la via di fuga dalla madre e dalla provincia, ma tutti sappiamo com’è andata.

Non si va certo a vedere questo film per sapere come va a finire, ma è il come che è interessante e che tiene incollati allo schermo, soprattutto perché in questo film è la versione di Tonya quella importante, e il regista, Craig Gillespie, ha voluto mostrare il lato umano e sincero di Tonya, e non quello della ragazza cattiva e dannata. È un po’ come in Breaking Bad: Walter White è un criminale assassino, ma si fa il tifo per lui, sempre e comunque, e in questo film avviene un po’ lo stesso. Tonya ha i suoi difetti, è una ragazza che non ha studiato, maleducata, sboccata, grezza, in qualche modo ha “commissionato” quella famosa aggressione alla sua rivale/amica del ghiaccio Nancy Kerrigan, ma si fa il tifo per lei, si spera fino all’ultimo che se la caverà, e quando invece la condannano e la radiano per sempre dalla federazione di pattinaggio, una lacrima scende. Tonya avrebbe preferito andare in galera, forse avrebbe preferito morire, e invece è andata avanti, per un po’ si è dedicata alla boxe, e poi è diventata madre, fa lavori umili, e la sua vita è finita nell’ombra.

Impedirle di pattinare è stato come ucciderla, è stato come rinchiudere un animale in gabbia per sempre, e quel suo maledetto e violento fidanzato, Jeff Gillooly (Sebastaina Stan) le ha rovinato non solo la carriera ma la vita.

Le scelte sbagliate si pagano eccome, e si pagano care, anche se sei giovane.

Jeff e il suo socio, Shawn Eckhardt (Paul Walter Hauser) se la sono cavata con poco, Tonya ha pagato per tutti, e alla fine di questo film si scopre che forse lei neanche sapeva niente dell’aggressione. Era d’accordo di spedire a Nancy delle lettere di minaccia per andare a intaccare il suo equilibrio psicologico, così da renderla un’avversaria meno temibile alle Olimpiadi, ma di certo non di spaccarle un ginocchio.

E invece oggi Tonya è famosa per aver fatto questo, non per essere stata forse una delle pattinatrici più brave di tutti i tempi. È stata l’Evgenij Pljuščenko del pattinaggio artistico femminile. Per chi non lo conoscesse, Pljuščenko è uno dei pattinatori più bravi al mondo, vincitore di tutto, compreso l’oro olimpico, uno che fa i quadrupli axel con una semplicità imbarazzante. La sua sequenza di passi nei programmi lunghi è velocissima e di una precisione pazzesca.

Ho avuto la fortuna di vederlo pattinare dal vivo per ben due volte, ed è osannato come una rock star dagli appassionati. E Tonya poteva diventare come lui, altro che Carolina Kostner, bravissima, per carità, ma nessuno ha avuto mai la grinta e la potenza di Tonya. È stata anche giudicata per questi suoi modi. Ai giudici non è mai piaciuta veramente: troppa aggressiva, troppo rock, troppo poco femminile, ma a lei non sono mai piaciute le cose da ragazze, non era tipo da tulle, ma da pellicciotto leopardato. Tonya è una con le palle, ancora oggi a quanto dicono tutti quelli che l’hanno intervistata, ed ha saputo andare avanti. La cosa che mi chiedo e che spero, è che qualche volta sia tornata a pattinare, in qualche palazzetto del ghiaccio della provincia americana. Perché, ripeto, pattinare sul ghiaccio è una magia, è come volare, e impedire a un uccello di spiccare il volo equivale a ucciderlo.

“L’incidente” è stato un fatto grave, ma forse Tonya ha pagato troppo, e questo film le rende un po’ giustizia.

Candidato a 3 premi Oscar, tra cui Miglior Attrice Protagonista e Miglior Attrice Non Protagonista (vincitrice Allison Janney)
L’appassionante storia vera della pattinatrice Tonya Harding (Margot Robbie).
Conosciuta per il suo temperamento focoso, Tonya fu protagonista di una carriera eccezionale e di uno dei più grandi scandali dello sport mondiale.

Il film, acclamato dal pubblico e dalla critica ai Festival in cui è stato presentato, è il ritratto tragico e al tempo stesso ironico di una donna forte e di una società bisognosa di creare miti per poi distruggerli.

con
MARGOT ROBBIE
SEBASTIAN STAN
e
ALLISON JANNEY
Golden Globe, Independent Spirit Award e Oscar® 2018
per la Migliore attrice non protagonista

USCITA AL CINEMA 29 MARZO 2018



Related Articles

Biffy Clyro, live acustico al Teatro Dal Verme di Milano l’1 ottobre

Biffy Clyro, live acustico al Teatro Dal Verme di Milano l’1 ottobre

Jimi Hendrix, Il live del 4 luglio 1970 diventa un documentario

Lo storico concerto del 4 luglio 1970 è stata l’esibizione davanti al suo pubblico più grande di sempre! “Electric Church”

Depeche Mode, tre nuove date in Italia per il tour invernale

E’ ancora in corso il tour estivo che vede i Depeche Mode protagonisti degli stadi italiani ( il 27 saranno

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.