La truffa dei Logan – recensione del film

La truffa dei Logan – recensione del film

Torna al cinema il regista di Ocean’s Eleven, Steven Soderbergh, con un film che sembra il cugino squattrinato e disagiato della trilogia con George Clooney: La truffa dei Logan. Il Premio Oscar torna finalmente al grande schermo dopo 4 anni di televisione, durante i quali ha dato vita a due acclamate serie tv: la chiaccheratissima The Knick e Behind the Candelabra, che gli ha fatto vincere due Emmy.

“È una specie di cugino dei film Ocean’s, ma è anche una loro inversione perché i personaggi non posseggono denaro né tecnologia. Vivono in circostanze economiche molto difficili, un paio di sacchi della spazzatura pieni di soldi possono cambiar loro la vita” ha dichiarato il regista sul film.

La truffa dei Logan - recensione del film

In effetti La truffa dei Logan sembra proprio una versione buzzurra di Ocean’s Eleven, ma per questo non meno geniale. I tre fratelli Logan sono davvero i signor nessuno: Jimmy è un ex minatore che ha perso il lavoro per colpa di un infortunio a una gamba; Clyde un ex militare senza un braccio ora divenuto un apatico barman; Mellie lavora in un salone di bellezza. La loro normalità rende l’impresa ancora più incredibile e spettacolare.

Come possono riuscire delle persone comuni a svaligiare un’organizzazione potente e gigantesca come la NASCAR? La soluzione si può trovare nella canzone Take me home, country road, la preferita di Jimmy. È questa la canzone che la figlia sceglie di cantare durante il concorso di bellezza per bambine, al posto di Umbrella di Rihanna, in un momento alla Little Miss Sunshine ma molto più sdolcinato.

La truffa dei Logan - recensione del film

L’amore tra Jimmy e sua figlia è il vero cuore di tutto il film: è proprio per sua figlia che Jimmy compie la rapina. L’amore per la propria famiglia e per la figlioletta portano Jimmy a ideare un piano tanto contorto quanto geniale, in uno sforzo intellettuale davvero notevole per un neofita delle rapine.

La truffa dei Logan è un film che di primo attico può sembrare superficiale, ma nasconde critiche alla società moderna: come l’uso spropositato della tecnologia e dei cellulari, i concorsi di bellezza per bambine, e l’importanza dell’essere dei vincenti a tutti i costi.

La truffa dei Logan - recensione del film

La profondità nascosta dell’incredibile sceneggiatura ha fatto interessare al film star di seria A come Channing Tatum e Adam Driver, nei panni dei due fratelli Logan; Daniel Craig e Hilary Swank per due ruoli secondari ma non meno eccezionali: l’esperto di esplosioni Joe Bang e il detective dell’FBI Sarah Grayson. Irriconoscibile ma come sempre brillante, nel film compare anche Seth MacFarlane nei panni dell’arrogante Max Chilblain, proprietario di una squadra sportiva che partecipa alla gara.

Un film simpatico, a tratti dolce, che racconta di una rapina compiuta per il bene della propria famiglia, e soprattutto per l’amore di una figlia. Il divertente e mai banale La truffa dei Logan sarà al cinema dal 31 maggio.

Non lasciate(ve)lo scappare!



Related Articles

Guster – Evermotion

Poco più di una settimana fa, per la precisione il 2 Febbraio, è stato rilasciato al pubblico il nuovo album

“Sfera Ebbasta summer tour”, al via il 14 giugno da Milano

“Sfera Ebbasta summer tour”, al via il 14 giugno da Milano

Punkreas, esce il 23 marzo il nuovo EP ‘Inequilibrio’. Guarda il video del singolo ‘Fermati e Respira’

Punkreas, esce il 23 marzo il nuovo EP ‘Inequilibrio’. Guarda il video del singolo ‘Fermati e Respira’

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.