God’s Own Country – recensione del film

God’s Own Country – recensione del film

Presentato in anteprima al festival queer di Bergamo Orlando, arriva finalmente anche in Italia, grazie a Fil Rouge Media, l’esordio cinematografico di Francis Lee: God’s own country, vincitore del premio World Cinema Directing Award al Sundance Film Festival 2017, nella categoria dramatic.

A causa della sua ambientazione e della sua storia d’amore omosessuale, il film è stato paragonato a Brokeback Mountain e definito la risposta proletaria di Chiamami col tuo nome. In realtà, la storia d’amore di Johnny e Georghe, molto poco ha da spartire con queste pellicole.

Il protagonista della vicenda non ha paura di mostrarsi omosessuale, ma di aprirsi e mostrare agli altri i propri sentimenti. La sua storia d’amore con Georghe non è solo una scappatella estiva, ma qualcosa di reale e durevole. Per questo non è un Brokeback Mountain inglese, ne tanto meno un Chiamami col tuo nome proletario.

Smetteremo mai di paragonare film d’amore omosessuale esclusivamente l’unico con l’altro? Riusciremo mai a categorizzare una storia d’amore profonda, come God’s own country, esclusivamente per ciò che è: una storia d’amore, senza appiccicagli in coda l’aggettivo omosessuale?

God’s own country, in italiano La terra di Dio, è una storia d’amore unica nella sua complessità, eppure di facile immedesimazione per gli ignoranti in sentimenti, come la sottoscritta.

Johnny è, difatti, un vero e proprio ignorante in sentimenti. Bloccato nella fattoria di famiglia a causa di un infortunio del padre, il giovane si abbandona all’alcool e al sesso occasionale per sfuggire alle proprie responsabilità. L’arrivo di un bracciante rumeno, come aiuto per la transumanza delle pecore, sconvolge però il suo mondo riscuotendolo dall’apatia emotiva e facendogli riprendere in mano la propria vita.

Con la sua empatia Georghe fa scoprire la dolcezza a Johnny, sgretolando la sua glaciale incapacità d’amare, in una storia d’amore struggente, complessa, eppure così soddisfacente. Fatta di silenzi e fango, primi baci e formaggio di capra, in una cornice rurale dal fascino grezzo e poetico. Un’opera prima eccellente, sotto ogni punto di vista.

Smetteremo mai di appiccicare l’aggettivo omosessuale a film universali come God’s own country?

Forse. Un giorno. Prima o poi. Magari dopo aver visto questo capolavoro.

 



Related Articles

#ètuttodiverso, dialogo tra disabilità e arte a Milano

#ètuttodiverso, dialogo tra disabilità e arte a Milano

Luca Battisti fa causa ad Acqua Azzurra S.r.l. per difendere il catalogo del padre Lucio

Luca Battisti fa causa ad Acqua Azzurra S.r.l. per difendere il catalogo del padre Lucio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.