Viaggio solo con bagaglio a mano

Viaggio solo con bagaglio a mano

Di: Andrea Amati

Tanto per chiarire:
– Non ho mai viaggiato fuori dalle rotte di Ryanair o Easyjet, mai fuori dall’Europa, figurarsi viaggi à la Indiana Jones o cose tipo la Cordigliera delle Ande in bici, la Grande Muraglia a piedi o cose del genere.
Mi piacerebbero ma non le ho mai fatte.
Questo per sgombrare il campo dagli equivoci.
Scrivo canzoni, mi muovo spesso in Italia per i concerti ma come viaggiatore trovate di meglio.
Perché “Bagaglio a Mano”, allora?
Perché ci vuole pure un contenitore, un qualcosa per provare a trasportare il peso della nostra vita… E se il peso dell’anima dicono sia di 21 grammi, ci stia ovunque e ci faccia fare anche un po’ di scongiuri, credo che il bagaglio che trasportiamo sulle nostre spalle carico di cose/fatti/sogni/sconfitte/vittorie/aspettative vada pensato, modellato e maneggiato con cura.
La vita è breve e viaggia a mille, io sono sempre più convinto che se il mio bagaglio che contiene il mio “essere Andrea” è troppo pesante rimango indietro. E’ logico!
Nella mia vita ho sofferto e soffro come un cane ogni volta che mi sento il dovere, imposto spesso da me stesso, di soddisfare un’aspettativa in un certo modo; ho preso, costruito, accumulato opinioni, oggetti, “cose mie” che non hanno mai davvero colmato i miei vuoti ma spesso, arroccandosi su se stessi, mi hanno reso meno lungimirante nei momenti in cui ho dovuto fare delle scelte.
Viaggiare armati di bagaglio a mano anche nella vita significa avere l’indispensabile e scegliere l’indispensabile ci fa capire quali sono le priorità e soprattutto ci fa scoprire di quante paranoie pesantissime possiamo fare a meno, quanti sforzi inutili per inseguire la persona che non siamo possiamo gettare finalmente al vento.
Non c’è niente di peggio che appesantirsi perché ci si sente in dovere di essere chi non si è.
Per motivi di spazio ho tagliato sugli esempi ma i concetti che ho esposto mi sembrano tutti validi motivi per consigliarvi di (dis)armarvi solo con bagaglio a mano.
Facile?!? No di certo… ma io provo a scrivere canzoni non ricette di vita.
E se volete ho un disco leggero leggero da farvi ascoltare; indovinate un po’ come l’ho intitolato?!?

 

 

Bio:

“BAGAGLIO A MANO”, uscito lo scorso 2 marzo per Borsi Records e prodotto da Massimo Marches, contiene 9 inediti tutti scritti e arrangiati dallo stesso Andrea Amati e una cover (La ballata della moda di Luigi Tenco). Ispirato dall’omonimo libro di Gabriele Romagnoli, “BAGAGLIO A MANO” è un disco in cui l’autore ha voluto mettersi alla prova, sperimentando nuove sonorità e un nuovo approccio alla scrittura, collaborando anche con i più giovani e promettenti artisti della nuova scena musicale dell’Emilia Romagna.
Questa la tracklist di “BAGAGLIO A MANO”: “Mi sono perso”, “Bagaglio a mano”, “Cose”, “Altrove”, “Carmen”, “La ballata della moda”, “Salvo (2017)”, “Bacio botto”, “Il muro”, “Verrà il tempo”.

Proseguono, inoltre, gli speciali appuntamenti del “BAGAGLIO A MANO TOUR”, la nuova avventura live del cantautore, in cui l’artista ripropone i brani più belli del suo repertorio insieme agli estratti dall’ultimo album. Gli appuntamenti in calendario sono:  il 5 agosto a Rimini (Cet Amour – concerto all’alba – Terrazza del Nettuno), l’11 agosto a Santarcangelo di Romagna – RN (Calici di Stelle), il 29 agosto a Ragone di Ravenna – RA (Piazza).

Il cantautore è anche l’opening act di alcune date del nuovo tour dei Nomadi e questi sono gli appuntamenti in programma: il 6 luglio a Quarti (AL), il 14 luglio a Jesolo (VE), l’8 agosto a Castel D’Aiano (BO), il 9 agosto a Tribano (PD), il 16 agosto a Sirolo (AN), il 25 agosto a Castagnole Lanze (AT), l’8 settembre a Mira (VE) e il 28 settembre a Bressanvido (VI).

Nei live Andrea Amati sarà accompagnato da Federico Mecozzi (violino) e Massimo Marches (chitarre) e in alcune date si aggiungeranno anche gli altri membri della band Marco Montebelli (batteria), Francesco Preziosi (basso), Stefano Zambardino (tastiere) e Gianluca Morelli (programmazioni).

http://www.andreaamati.com/


Tags assigned to this article:
andrea amatieditorialemusica

Related Articles

Quando si fanno le rivoluzioni bisogna farle su tutti i piani

Di: Francesco Loro dei Caffè dei treni persi “Quando si fanno le rivoluzioni bisogna farle su tutti i piani […]

La leggerezza e l’uomo

Di: Simone Bova Visto che posso parlare di quello che mi pare, vi parlerò di Roger Federer. Avete presente quel

Il viaggio

Di: Karla Hajman   Volo spesso tra lo stivale e Berlino. Con Easyjet, perché è l’unica low cost che mi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.