Questa sono io, Greta

Questa sono io, Greta

Di: Greta Elizabeth

Ciao! Mi chiamo Greta Elizabeth, ho 17 anni e provengo da una famiglia con origini americane. Per questo nella mia vita mi sono sempre ritrovata a fare avanti e indietro tra gli States e l’Italia. L’inglese quindi è la mia seconda lingua, quella con cui mi viene più naturale comporre le mie canzoni. La musica è sempre stata nella mia vita, ho sempre cantato e suono la chitarra da quando ho 11 anni. Mio padre, Roberto Mariani, negli anni ’90 ha prodotto diversi dischi, uno dei quali con il C.P.I.. Attualmente mi segue a livello musicale come producer ed è lui che mi ha portata dove sono. Mi ricordo quando a 5/6 anni mi faceva suonare la batteria dalle sue ginocchia o quando mi portava ai concerti. La musica è sempre stata e sempre sarà nella mia vita. L’anno scorso ho avuto la grandissima opportunità di aprire 8 date del tour primaverile di Marina Rei e 4 date del tour estivo dei Tiromancino. Girare l’Italia con Marina e Federico è stata un’esperienza unica, stimo moltissimo entrambe questi artisti a mio parere veri e completi. Aprire molte delle loro date mi ha fatto crescere artisticamente e personalmente. È capitato infatti di essermi dovuta confrontare con un pubblico molto vasto, come nel caso della data dei Tiromancino di Campi Bisenzio (vicino Firenze) quando mi sono ritrovata a suonare davanti a 15’000 persone circa, sentire tutte queste persone che ti supportano e cantano con te il ritornello di una cover (nel mio caso “Crazy” di Gnarls Barkley) è un emozione bellissima che porterò sempre nel cuore. Nel corso degli anni ho avuto anche l’opportunità di suonare davanti ad un pubblico straniero. Il mio primo vero concerto l’ho fatto al Troubadour di Londra all’età di 14 anni. A gennaio dell’anno scorso ho suonato in vari open mic di Los Angeles, e quando capita nella East Coast cerco sempre di suonare in questi piccoli locali di NY che mi fanno impazzire. Ho composto le quattro tracce dell’EP “Wonderful” fine settembre/inizio ottobre 2017, poco più di un mese dopo io e mio padre abbiamo passato una settimana in studio nel’Hilltop Recording Studio londinese di David Ezra. Collaboro con David da tre o quattro anni. Fino a questo EP ha sempre e solo mixato e masterizzato le mie tracce (live o singoli), è molto professionale e segue molti artisti emergenti e conosciuti in UK. L’EP è composto da quattro brani ai quali abbiamo cercato di dare mood ed emozioni diversi. “Song N. 5” è sicuramente la canzone dal sound più fresco ed estivo dell’EP “Wonderful”. È una canzone nata per caso, alla fine di una lunga estate vissuta a pieno, che parla della fine di un amore. “Song n. 5” è un brano dai toni sicuramente malinconici ma freschi, quasi tropicali. Anche il titolo stesso del singolo è nato casualmente, in quanto non ha legami particolari con il testo o richiami specifici di parti di esso; è semplicemente il nome con cui ho salvato la song sulle note vocali del telefono, quando era ancora solo un insieme melodico di ‘uhm’. Il testo parla della fine di una storia d’amore e come ogni testo può avere molte interpretazioni. Non necessariamente le mie canzoni raccontano di storie vere, a volte sono solo storie nate da emozioni che stavo provando in quel momento e che poi hanno dato spazio alla mia immaginazione. La canzone esordisce con la frase “I’m thinking way too much about you”, per sottolineare quella fase della vita o di una relazione, nella quale cerchi di dimenticare il più possibile una persona ma non ci riesci. Nell’inciso dico “You messed it up” e “You wanted my trust, but you messed it up”. Il video del singolo è stato girato interamente in Sicilia nell’agosto del 2017, principalmente con un iPhone a 4K da mio papà, ma abbiamo ripreso anche molte scene con la GoPro non pensando che poi sarebbero diventate parte integrante di un video musicale. Infatti questo video non è stato girato o pensato in particolare per il brano “Song N. 5”, che è nato mesi dopo. E’ stato girato in modo molto naturale, come se fossero tutti piccoli video ricordi di un’estate felice. Due/tre mesi fa, con l’aiuto di Lorenzo Catapano, abbiamo deciso di riprendere in mano il materiale di agosto per montarlo e farlo diventare finalmente un progetto concreto, “Song N.5” ci è sembrata la traccia dell’EP “Wonderful” più adatta per un lancio estivo. Il video in se ritrae tipici momenti felici di un’estate passata con gli amici in una terra magnifica, la Sicilia appunto. È un video semplice e sincero, trasmette felicità, serenità e voglia di mare, di estate. Le scene riprese sono quasi tutte molto spontanee, non avendo il video in se una trama scritta dietro, come invece ha per esempio il video di “Wonderful”, girato e diretto invece interamente da Lorenzo Catapano. In questo caso Lorenzo ha montato e ha dato un effetto volutamente vintage “VHS” alle immagini video. È un video che sento molto e che si porta molti ricordi felici dietro, essendo questo un progetto nato in momenti diversi e molto casualmente mi posso ritenere molto soddisfatta del prodotto finito. Amo stare a contatto con il pubblico, come ho citato prima, quindi per il futuro spero di realizzare molti live. Sono molto felice dei miei piccoli ma grandi traguardi che ogni giorno mi rendono più consapevole e fiera della mia musica e dello sforzo che c’è stato per realizzarla. Spero anche di non smettere mai di migliorarmi, e di non lasciarmi mai abbattere da un no o da una delusione in campo musicale. Questa sono io, Greta.

 

 

Bio:

Greta Elizabeth Mariani è una giovane cantautrice nata a Roma nel 2001, di origine americana e figlia del musicista cantautore Roberto Mariani, attivo dagli anni ’90. Greta inizia a suonare la chitarra alla tenera età di 11 anni e fin da subito si distingue per il suo particolare timbro vocale. Nel 2015, all’età di 14 anni, si aggiudica a Los Angeles il premio “Akademia Music Award” come best cover act per l’interpretazione del celebre brano di Simon & Garfunkel “Sound of Silence”. Durante lo stesso anno, Greta si esibisce al Troubadour di Londra e il concerto viene trasmesso in diretta streaming in tutto il mondo dalla società americana Livamp. Successivamente, nel 2017, si esibisce in concerto anche a New York e a Los Angeles e, in Italia, apre le prime quattro date del tour dei Tiromancino e dell’unplugged tour di Marina Rei. Recentemente ha realizzato il primo Ep, dal titolo “Wonderful”, prodotto interamente a Londra da David Ezra.

 

 

 

www.facebook.com/gretasmusic

 


Tags assigned to this article:
editorialigreta

Related Articles

Gasparri: biografia

Di: Stefano Di Nucci   Ho cercato di nascondere le mie canzoni finché ho potuto. Si, lo ammetto, le ho

PICCOLA DIMOSTRAZIONE POCO SCIENTIFICA SULL’ORIGINE ARTISTICA DEL TUTTO

Di: Gianluca De Rubertis Eccomi dissertare. Siate buoni, mi ci provo. Ma vale molto, e non solo per certi miei

La voce ai tempi dei talent

Di: Diana Winter Se dovessimo classificare lo strumento voce, la definizione più corretta sarebbe quello dello strumento a fiato. Anomalo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.