Suede dal vivo in Italia

Suede dal vivo in Italia
Nei gloriosi anni ’90, quando il post glam rock cominciò a prendere una forma indie, si fecero notare una serie di gruppi come gli Oasis, The Verve, Blur e Pulp.
Si ritrovarono tutti a cavalcare un’onda, a cui fu dato il nome di brit pop  (e cosa avessero di pop non l’ho mai capito se non il fatto che fecero un gran successo e influenzarono definitivamente le sonorità di diversi autori e band made in uk.)
Tra di loro la band Suede, attualmente formata dal cantante Brett Anderson, Richard Oakes (chitarra), Mat Osman (basso), Simon Gilbert (batteria) e Neil Codling (tastierista / chitarra ritmica) fece un record di vendite già per il loro album di debutto. 
E come non ricordare le hit : 

“Trash”, “Beautiful Ones”, “Electricity”, “The Drowner”,  “She’s In Fashion”, che insignirono la band come simbolo dell’alternative rock britannico degli anni Novanta. 

L’ ottava fatica dei Suede è: The Blue Hour. Titolo perfetto per descrivere le sfumature dark, crepuscolari, struggenti e cupe di questo album in studio, fresco fresco di stampa. 

Parlando del contesto del nuovo album, la band ha dichiarato:

 “L’Ora Blu è quel momento del giorno in cui la luce si affievolisce e la notte si avvicina. Le canzoni introducono un racconto complesso senza mai rivelarlo o spiegarlo del tutto. Come per ogni album degli Suede, tutto ruoto attorno al songwriting. La band, la passione e la musica: questa è la nostra “Blue Hour’”.

Un lavoro immenso ed ambizioso che, come il precedente Night Thoughts, è stato scritto come un’opera unica, poi divisa in quattordici tracce distinte ma tematicamente collegate.

Le potrete ascoltare dal vivo, assieme ai loro migliori successi in 20 anni di carriera, giovedì 4 ottobre 2018 presso il Fabrique di Milano.

 

Tags assigned to this article:
fabriquelivemilanoSuede

Related Articles

Goldfrapp, unica data italiana il 26 ottobre a Milano

Sono tornati da pochissimo sulle scene musicali con un nuovo lavoro i Goldfrapp, che hanno date alle stampe a marzo

Siamo solo piatti spaiati: il bisogno di essere compresi, la necessità di guardare oltre le apparenze

Siamo solo piatti spaiati: il bisogno di essere compresi, la necessità di guardare oltre le apparenze

Jeff Buckley, un disco postumo in arrivo

Una raccolta dei primi esperimenti in studio del cantautore statunitense, riscoperti dopo 20 anni negli archivi Sony Music.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.