Siamo solo piatti spaiati: il bisogno di essere compresi, la necessità di guardare oltre le apparenze

Siamo solo piatti spaiati: il bisogno di essere compresi, la necessità di guardare oltre le apparenze

Titolo: Siamo solo piatti spaiati
Autore: Alessandro Curti
Genere: Narrativa contemporanea
Casa Editrice: C1V Edizioni
Pagine: 250
Codice ISBN: 978-8898295579
A cura di Edoardo Arundelli

 

Alessandro Curti presenta un romanzo intimamente connesso al suo lavoro di educatore, e racconta un’intensa storia di crescita e di accettazione della diversità. Il protagonista è Davide, un diciassettenne che a causa di una bravata finisce in una comunità per minori. Siamo solo piatti spaiati si apre in medias res, mentre il giovane viene prelevato dal carcere e portato nella casa famiglia, e il lettore si fa testimone dei suoi pensieri angoscianti, della sua paura di essere solo senza la protezione dei genitori, e soprattutto della sua rabbia nei confronti di una punizione ritenuta ingiusta. Come ogni adolescente, Davide è convinto di poter spaccare il mondo, e di farla sempre franca; avrà tempo da vendere e notti insonni per comprendere che non sono solo gli adulti a dover essere responsabili della propria vita, e che anche chi è nato in una buona famiglia e cresciuto in un ambiente protetto deve guadagnarsi duramente la libertà e il rispetto. Nel microcosmo della comunità Davide dovrà fare i conti con realtà estremamente diverse dalla sua, situazioni al limite di giovani lasciati a loro stessi, scappati da guerre e da miserie, e a poco a poco queste vite tanto lontane da lui si mischieranno alla sua, lo arricchiranno e lo cambieranno nel profondo. La forzata permanenza nella comunità che all’inizio gli sembrerà insopportabile diventerà con il tempo un’occasione per stare in silenzio con sé stesso, per analizzarsi e avere la forza di accettare i propri errori. A metterlo sulla buona strada, senza invadere i suoi spazi e comprendo a fondo il suo dolore e la sua rabbia, sarà uno degli educatori del centro, Andrea, un uomo capace di osservare il mondo con gli occhi puri di un bambino, che gli insegna a guardare oltre le apparenze, e ad essere coerente e onesto con tutte le persone che incontra. Una lezione di vita che Alessandro Curti impartisce a Davide e a tutti noi: in un mondo abitato da persone appartenenti a diverse culture che si fanno la guerra tra di loro, senza ricordare di essere parte di un’unica grande famiglia, in un universo di piatti spaiati e un po’ rovinati dal tempo e dalle sofferenze, basterebbe fermarsi a pensare un minuto di più, a comprendere con un po’ di attenzione, a sentire l’anima di chi si ha di fronte come simile alla propria. Solo allora la diversità diventerà ricchezza, e come Davide si troverà il modo di andare avanti, di accettarsi, di liberarsi dalle paure e di cominciare a costruire la propria vita.

https://www.c1vedizioni.com/
https://m.facebook.com/GruppoC1V/?__tn__=CH-R
https://www.c1vedizioni.com/product-page/siamo-solo-piatti-spaiati


Tags assigned to this article:
Alessandro Curtiliberirecensioni

Related Articles

L’umanità sempre più robotica di Ekat Bork con il nuovo EP Kontrol

L’umanità sempre più robotica di Ekat Bork con il nuovo EP Kontrol

Cosmo, nuovo singolo ‘Turbo’ e tour nei club

Cosmo, nuovo singolo ‘Turbo’ e tour nei club

Giulio Ragno Favero, workshop per Music Heroes

Giulio Ragno Favero, il suo workshop per Music Heroes a novembre!

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.