Linecheck, Warner presenta ‘Professione donne nella musica’. Parola d’ordine: fare squadra.

Linecheck, Warner presenta ‘Professione donne nella musica’. Parola d’ordine: fare squadra.

Di Rossella Romano

Essere donna è così affascinante. È un’avventura che richiede tale coraggio, una sfida che non annoia mai”, scriveva Oriana Fallaci. Ed essere una donna che opera nell’industria musicale è tutto questo e molto di più. Come si evince dal panel presentato da Warner Music Italy oggi a Linecheck Music Meeting and Festival che sarà a Base, Milano, fino al 24 Novembre.
Cinque professioniste del settore musica si sono confrontate tra di loro, portando la propria testimonianza e la propria esperienza di addette ai lavori in un universo, quello delle sette note, che è sempre stato maschile.
Hanno raccontato di sé : Annalisa (cantante), Sunshine Pegoiani (Manager di vari artist tra cui Annalisa, Evento Musica), Sara Andreani (Marketing and Promotion Director, Warner Music Italy) e Chiara Santoro (Manager, Music Content Partnership Italy, Spain & Portugal, YouTube). A moderare il dibattito, e ne ha preso anche parte, Petra Loreggian (conduttrice radiofonica, RDS).
Partendo dal video del singolo di Annalisa “Bye Bye”, che vede un gruppo di ragazze camminare insieme, o meglio marciare l’una accanto all’altra dando vita ad un immagine di unione e forza, nascono le prime riflessioni:
Il video di ‘Bye Bye’ è un inno alle donne. La clip che accompagna il brano vuole sicuramente evocare un’idea di forza, soprattutto quando le donne si uniscono e fanno squadra. Tra donne ci si guarda molto, ma quando si fa squadra si può andare davvero lontano”, afferma la cantante

L’ambizione in Italia è un difetto se sei donna”, dice Sara Andreani. “E questo deriva da un mix fra situazione culturale e pregiudizio: le donne devono dimostrare ogni giorno quanto valgono. Non devi mollare mai. Le donne sono preziose in ambito musicale, ma sia dal lato artistico sia sul versante industria sono molto meno e meno rilevati della parte maschile”, continua la Andreani.
A livello di abbattimento del pregiudizio, Chiara Santoro racconta come Google e YouTube siano attenti ed efficienti riguardo tale tema: “YouTube e Google hanno da sempre una fortissima attenzione riguardo la discriminazione e il pregiudizio di genere. Il Ceo di YouTube è una donna e ruoli di rilievo in azienda sono occupati da donne. YouTube organizza dei workshop interni proprio su queste tematiche. Credo che, inoltre, sia molto importante per noi donne riconoscere il successo di altre donne, è fondamentale per creare la squadra di cui si parlava prima”.

Sunny Pegoiani, Manager di Annalisa, racconta di come debba “indossare i pantaloni” in ambito lavorativo e delle volte in cui, trovandosi con un artista, se non la conoscono, tendono a rivolgersi all’uomo che le sta accanto: “Mi è capitato, quando ho accompagnato artisti sia di sesso femminile che maschile, nel caso in cui i miei interlocutori non mi non mi conoscessero, di non venire identificata come la manager. Se si trovava accanto a me un uomo e avevano bisogno di chiedere qualcosa, si rivolgevano a lui. Mi fa sorridere questa cosa”, racconta Sunny,
Annalisa, ancora, racconta del suo rapporto con la sua manager: “Sicuramente con una donna mi trovo molto a mio agio. Con Sunny abbiamo fatto un lavoro sull’estetica e sulla comunicazione, che risultano vere ed autentiche proprio come devono essere. Sunny riesce a cogliere certi aspetti in maniera ottimale in quanto donna”, dice l’artista

Anche Petra Lorregian offre la sua testimonianza: “Quando ho iniziato la mia carriera radiofonica volevano che aderissi a un modello di speaker femminile molto in voga in quegli anni, conduceva un programma in fascia notturna come avrei dovuto fare io. Per riuscire a conquistarmi la fascia diurna è stata un’impresa. Ma non ho mai aderito a nessuno stereotipo, seguendo anche il consiglio di Claudio Cecchetto, che mi ha sempre detto ‘Tu sei pop’. E ora sono qui”, racconta la conduttrice.
In conclusione, punti chiave su cui tutte sono d’accordo: fare squadra e il celebrare i successi delle altre donne affinchè siano un modello da seguire, da cui trarre ispirazione, nell’industria musicale e non solo.

 



Related Articles

The Magnetics, ecco il video di ‘King Kong Girl’

The Magnetics, ecco il video di ‘King Kong Girl’

Molly Hatchet, in concerto in Italia

I Molly Hatchet, un pezzo di storia del Southern rock, saranno presto in Italia: venerdì 15 dicembre 2017 al Bloom

Bop & 291out, esce ‘L’alba dei vinti’: tra synth pop ed elettronica, la colonna sonora oscura degli ‘sconfitti’ odierni

Di Rossella Romano Una soundtrack perfetta per tutti i “vinti” contemporanei dal fascino oscuro e allo stesso tempo scintillante delle

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.