I Subsonica e la discoteca labirinto in cui vorremmo ballare per sempre

I Subsonica e la discoteca labirinto in cui vorremmo ballare per sempre

Di Rossella Romano

“Quale altra band vi fa ballare come i Subsonica?”, chiede Samuel alla folla in estasi durante l’attesissimo live dei Subsonica di ieri sera, seconda data milanese dell’ ‘8 tour’. Ebbene, la risposta è nei volti, nell’adrenalina e nel sudore del pubblico che ha cantato ogni singola parola e ballato ogni singolo beat, ovviamente, durante tutta la durata del live. Carichissimo, tecnologico, assolutamente ben suonato e assolutamente vissuto a pieno non solo da chi vi ha preso parte come spettatore, ma soprattutto dai protagonisti: Samuel, Boosta, Max Casacci, Ninja e Pierfunk. Vent’anni di carriera, di successi e vent’anni di uno dei dischi che ha lasciato un segno indelebile: “Microchip emozionale”.

Un dancefloor senza fine il Forum di Assago, con un palco a dir poco spettacolare: dei grandi schermi in cui vengono catturate le immagini in diretta dei cinque protagonisti e proiettati dei visual durante le canzoni, oltre ad una struttura che si muove avvicinando e allontanando i membri della band, un effetto ottico veramente notevole.

Il concerto è un vero connubio di brani che hanno contribuito a creare il suono e l’immaginario dei Subsonica, ad esempio “Tutti i miei sbagli”, come ha detto Samuel ”Se pensi ai Subsonica pensi subito a questo pezzo” (il cantante si diverte a presentarlo in stile sanremese proprio come fu sul palco dell’Ariston nel 2000), insieme a canzoni estratte dal nuovo lavoro del gruppo torinese, “8”, che dà il nome a questo tour. Ci sono anche “Aurora Sogna”, “Liberi Tutti”, “Depre”, “Benzina Ogoshi”, “Abitudine”, “Nuova Ossessione”, “L’odore” e “Discolabirinto”, che non poteva mancare. Tanti i prezzi estratti dalla nuova fatica in studio, tra cui “Bottiglie Rotte”, con cui si apre il live, “Jolly Roger”, “Punto critico” e “Respirare”, durante la quale Samuel canta su una struttura sopraelevata che lo avvicina al pubblico.

Durante il set spuntano anche delle belle sorprese: un accenno di “Creep” dei Radiohead in versione chitarra e voce, Willie Peyote che canta con i nostri “L’incubo” e la sua “I cani”, oltre a “Radioestensioni” che, come racconta, il padre gli faceva ascoltare per imparare a suonare la batteria. Ospite sul palco anche Ensi, che arricchisce “Il cielo su Torino”, già bellissima, con il suo rap. E’ tutto spinto a mille: la testiera di Boosta, con le quali fa acrobazie pazzesche, il groove di Pierfunk, il ritmo incalzante di Ninja, la potenza della chitarra di Casacci e la voce eccelsa di Samuel, che tocca picchi altissimi.
La dedica della band, attraverso le parole davvero sentite di Max Casacci, del brano “Le Onde”, è momento davvero delicato e toccante: buio in platea, le luci dei telefonini ed un’atmosfera intensa.
E’ stato un vortice di emozioni, ricordi e sensazioni questo concerto.
La memoria corre indietro, il corpo balla senza sosta: energia, stupore, lacrime, delirio e “strade che si lasciano guidare forte”, fortissimo, in chiusura di questa serata.

I Subsonica sono tornati e sono tutti cazzi vostri”. Grazie Samuel, grazie ragazzi, per tutto questo

Set 1

Bottiglie rotte
Discolabirinto
Up Patriots to Arms(Franco Battiato cover)
Nuova ossessione
Jolly Roger
Fenice
Punto critico
Liberi tutti
Il diluvio
Perfezione
L’incredibile performance di un uomo morto

Set 2
Respirare
Cieli in fiamme
L’incubo(con Willie Peyote)
I cani(con Willie Peyote)
Radioestensioni(con Willie Peyote)
La glaciazione
Nuvole rapide
Veleno
Aurora sogna
Depre
Le onde
Il cielo su Torino (con Ensi)
L’odore
Abitudine
Benzina Ogoshi
Tutti i miei sbagli
Strade

 


Tags assigned to this article:
19 FebbraioAssagoconcertoforumreportSuubsonica

Related Articles

“The Wall”, l’unico muro da non abbattere

Il concerto a cui abbiamo assistito il 3 Luglio 2011 presso il Forum di Assago di Milano, è uno di

John De Leo, il racconto del live di Milano del 16 Gennaio

Il rispetto per il pubblico non sta nell’accontentarlo. Con questa frase l’ex Quintorigo ha spesso definto il suo approccio alla musica.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.