Paola Turci: “Sono ‘Viva da morire’ ora più che mai”

Paola Turci: “Sono ‘Viva da morire’ ora più che mai”

Di Rossella Romano

Paola Turci è unica”. A dirlo è Beppe Fiorello durante la presentazione del nuovo lavoro della cantautrice, “Viva da morire”, in uscita il 15 marzo.
Beppe Fiorello e Paola Turci si sono conosciuti anni fa a “Meraviglioso Modugno”, festival nel quale entrambi erano ospiti. Paola ha poi coinvolto l’attore nella serata dei duetti durante l’appena trascorsa edizione del Festival di Sanremo, nella quale era in gara con “L’ ultimo ostacolo”. “E’ stato un Festival piuttosto teso e l’arrivo di Beppe mi ha tranquillizzata”, dice l’artista.

L’unicità di Paola Turci, come ha ben detto l’attore, si ritrova nel suo essere autentica e nelle sue canzoni. In questo disco, come racconta Paola: “Ogni canzone è diversa. In queste dieci tracce sono racchiusi il passato, il presente, il futuro. Ci sono io adolescente sulle scale della casa al mare dove ho imparato suonare la chitarra. A 14 anni la chitarra era tutto per me, il periodo più bello della mia vita. Ci sono io da ragazza sulla vespa 50, e Patti Smith nelle cuffie, io come sono stata sospesa, frastornata, e io come sto: come davanti a una marea che inonda e si ritrae, dove va il mio desiderio verso un due che vorrei. Nel disco c’è anche la forte presenza ( e assenza) di mio padre, una figura che apre e chiude questo lavoro. La si ritrova nelle strofe di ‘L’ultimo ostacolo’ e in chiusura con ‘Piccola’”, racconta l’artista.

Ad accompagnare la Turci in questa nuova avventura discografica c’è Luca Chiaravalli, al quale va dato il merito dell’espressione “Viva da Morire”: “Questo è stato un disco inaspettato, con Luca abbiamo cominciato a lavorare a delle canzoni ma non era in programma un album. Piano piano ci siamo accorti che stava prendendo forma qualcosa di interessante. Luca, poi, ha dovuto sopporsi ad un intervento molto importante. Un giorno mi ha chiamata e mi ha detto di continuare senza di lui, perché la sua ripresa sarebbe stata lenta. Io mi sono rifiutata di proseguire da sola, un disco non va fatto tanto per pubblicare qualcosa ma deve avere un senso. Poi volevo lui come produttore e nessun altro. Questo album è nostro”, afferma la cantante.
A maggio Paola Turci presenterà i nuovi brani in due importanti eventi live che si terranno il 13 maggio a Milano a Teatro degli Arcimboldi e il 20 maggio a Roma all’Auditorium Parco della
Musica. Il 12 novembre, invece, partirà da Torino il tour teatrale che toccherà le principali città italiane.
“Il tour che mi aspetta è sicuramente teatrale ma la mia esperienza da attrice non si intreccerà a quella musicale. Recitare è bellissimo e mi piace molto, come suonare, ma lascio queste due attività distinte”, conclude Paola Turci

Ecco tutte le date del tour

12 novembre – Torino- Teatro Colosseo
14 novembre – Bologna – Teatro Celebrazioni
15 novembre – Mestre – Teatro Corso
19 novembre – Parma – Teatro Regio
21 novembre – Senigallia – Teatro La Fenice
23 novembre – Lecce– Politeama Greco
26 novembre – Catania – Teatro Metropolitan
27 novembre – Palermo – Teatro Golden
30 novembre – Reggio Calabria – Teatro Cilea
2 dicembre – Napoli – Teatro Augusteo
4 dicembre- Forlì – Teatro Fabbri
9 dicembre – Firenze – Teatro Verdi

Inoltre, la cantautrice incontrerà i fan in alcuni appuntamenti speciali negli store delle principali città italiane:

16 marzo DISCOTECA LAZIALE H. 17.00 Via Giolitti ROMA
17marzo FELTRINELLI H.18.00 Piazza Piemonte MILANO
22 marzo FELTRINELLI RED H. 18.00 Piazza della Repubblica FIRENZE
23 marzo FELTRINELLI H. 18.00 Piazza dei Martiri NAPOLI
24marzo FELTRINELLI H. 15.00 Via Melo BARI e FELTRINELLI H. 18.30 Via dei Templari LECCE



Related Articles

Alla ricerca di Itaca, la musica come un eterno viaggio

Abbiamo fatto una chiacchierata con Joe Barbieri in occasione della recente uscita del suo ultimo disco, “Cosmonauta da appartamento”. L’album

I’m Not A Blonde, esce il 26 gennaio ‘The Blonde Album’. L’intervista.

Esce il 26 gennaio ‘The Blonde Album’, nuovo lavoro del duo milanese. L’intervista.

La tartaruga rossa – al cinema solo il 27, 28 e 29 marzo.

La tartaruga rossa è il primo lungometraggio di Michaël Dudok de Wit, già regista del corto animato Father and Daughter,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.