Editoriale

Editoriale

dei Black Eyes 2

Teniamo molto ai Black Eyes 2, suonare in due è una bella sfida e stiamo vivendo tante nuove esperienze.
Per esempio i giorni di registrazione all’Edac Studi con Davide ed Andrea sono stati un’esperienza meravigliosa. È stata la prima volta in studio per i Black Eyes 2 e abbiamo imparato tantissimo, ci siamo anche divertiti.
Un pomeriggio stavamo registrando le voci con tre diversi microfoni posizionati in tre stanze diverse.. già così ci sembrava spaziale. Poi ci siamo resi conto che uno dei tre microfoni stava registrando solo l’aria, perchè nessuno di noi ci cantava davanti, però non abbiamo chiesto nulla: in quello studio sanno cosa fanno!
Alla fine di una canzone Davide sembrava un po’ deluso e ci ha detto di rifare il pezzo. Nessun problema, ma perché? Avevamo sbagliato qualcosa?
La sua risposta ci è sembrata meravigliosa: “nono, tranquilli, era perfetta! Però è passata una macchina fuori ed abbiamo preso anche quella”. A quato pare il microfono per l’aria è troppo potente ahahah
Registrare questo ep è stato bellissimo, ma sappiamo di essere all’inizio e che la strada da fare è ancora lunga. Abbiamo davvero molto da imparare, ma non smetteremo di provarci e non vediamo l’ora di metterci alla prova con tanti live e nuove canzoni.

BIO
I Black Eyes 2 sono un duo rock nato nel dicembre 2017, a Cantù. Prima di conoscersi, Nora e Alessandro sono stati uno il pubblico dell’altro durante i concerti con le rispettive band del momento. Scoprono di volere entrambi creare un nuovo progetto musicale incentrato principalmente sulle ritmiche del basso e della batteria e cercano di raggiungere una sonorità completa, pur scegliendo di essere un duo. Trascorrono alcuni mesi in sala prove, dedicandosi alla scrittura dei loro primi brani. Nel luglio 2018 registrano l’EP «Shadows» presso Edac Studio (Gecofish, Edda, Giorgieness, Vanillina…) con la produzione artistica di Davide Lasala


Tags assigned to this article:
Black Eyes 2editoriae

Related Articles

il vecchio barbone

Di: Artan Eh ragazzi, è strano sto mondo, è bella però la vita. E’ meravigliosa se la guardi dal basso.

Bach, il Bebop e la croccantezza delle risoluzioni

Di: Luca Dell’Anna È senza dubbio artificioso distinguere il modo in cui viene fruita la musica dividendola in emotività e

C’è tutto il tempo per dormire sottoterra

Di: SPREAD Sono passati sei anni dall’uscita di “C’è tutto il tempo per dormire sottoterra”. E sono già passati più

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.