Illuminare

Illuminare

Di Luframilia

Luframilia è un progetto musicale, che scava nelle periferie della mente. È una passeggiata in una strada di notte in mezzo a lampioni un po’ accesi e spenti. Si libera in sfumature acustiche e interiori che si fondono con suoni distorti, catartici e d’impatto.

Luframilia è un’immersione nell’oceano che separa due terre lontane. Due poli opposti, tra i quali esplorare la profondità del fondale interiore.

Luframilia è un albero di lampadine sotto un cielo senza stelle. Mentre guardi le luci della città, lontane, che in effetto bokeh galleggiano nella sera.

Luframilia è il viaggio di un eremita in un tempo postmoderno, che cerca di trovare la sua verità. Nel caos artificiale lui vuole distruggere il mondo delle sue paure.

Luframilia è resistenza.

Luframilia è un’overdose di empatia, mentre corri veloce nelle autostrade che circondano le metropoli del cervello.

Luframilia è un logonauta. Esplora le parole, senza il tempo e senza il dove.

Luframilia è radiazioni colorate di emozioni nell’oscurità dello spazio.

Luframilia è un’eclissi di timori che si rivela con l’apocalisse dei cuori.

Luframilia è l’attimo prima di addormentarsi, mentre appoggi la testa sul cuscino, là dove l’ansia bacia in bocca la tranquillità.

Luframilia è qualcosa che nasce anni fa. Di notte in una cameretta al buio, in delle canzoni, nelle quali ho creduto piano piano, sino a cercare di metterle “alla luce”.

Luframilia sono io.

Bio
Luframilia è un progetto che nasce dal plettro e dalla penna di Davide Bolignano. Già militante in diversi progetti musicali come chitarrista a Reggio Calabria, è proprio qui, anzi esattamente dalla sua camera, che inizia a scrivere dei brani in lingua italiana, che all’inizio restano per mesi e anni solo delle registrazioni vocali (per non dimenticarle!) nel suo cellulare, chitarra acustica e voce, ma che piano piano si fanno strada all’interno della sua convinzione, nel suo sentire, nella sua voglia di portarli alla “luce, in maniera nuova, in qualcosa che non aveva mai fatto prima. Prendere questi testi e linee vocali, flussi di coscienza di un carattere intimo, riflessivo, e “paradossalmente” in italiano, arrangiarli in dei suoni d’impatto, esterofili d’oltreoceano, circondati da tutte le proprie influenze preferite, dal punk rock, all’ alternative, all’indie pop , è stata l’idea che ha trovato il giusto porto, quando Davide ha condiviso gli “scheletri” dei suoi brani con Alessio Mauro, ingegnere del suono e producer di Reggio Calabria. Con lui si è iniziato un lungo lavoro di arrangiamento e pre produzione, e poi di registrazione in studio, di diverse tracce, tra cui un primo singolo di presentazione e un videoclip che verranno rilasciati presto. Un filo per le orecchie si cuce, presto Luframilia sarà alla luce.


Tags assigned to this article:
editorialeLuframila

Related Articles

La Frasca, un poema di Menni

Di: Menni Tutto accadde davanti ad un piccolo piano di legno. Come uno scavatore, un abbraccio di mamma, una chiave,

E se la vita fosse solo una canzone?

Di: Lorenzo Vizzini Ho sempre sopravvalutato il valore effettivo della musica nella vita di tutti i giorni. Spesso mi trovo

I Giovani Devono Fare Schifo

Di: Alessandro Spedicati dei S•I•K•I Compaiono sulle pagine dei nostri social con le loro facce tatuate, il loro look eccentrico

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.