Editoriale

Editoriale

Di KEEMOSABE

Ci chiamiamo KEEMOSABE e siamo una band Modern Rock. Ci siamo formati a giugno 2016 dopo che due di noi, Alberto e Sebastiano (cantante e batterista), erano appena ritornati da New York dopo due intensi anni a suonare e studiare musica Jazz.

Avevano bisogno di una sala prove e di uno spazio fuori dal mondo dove poter creare in pace nuove idee. Da qui decidono di ristrutturare una piccola casa dispersa nei boschi del Novarese che diventa un punto di ritrovo per tante jam e condivisioni musicali. Una sera di queste, in maniera molto casuale, si ritrovano a jammare nella casa con Pino e Andrea (bassista e tastierista).

La chimica c’è, qualcosa scatta dentro di noi, dopo una settimana decidiamo di formare una band, di chiamarla KEEMOSABE (parola nativa americana che sta per “fratelli da madre diversa”) e di chiuderci nel bosco a comporre.

Dopo soli due mesi, molliamo tutto e ce ne andiamo a Londra per iniziare dal Paese che più è vicino al nostro genere musicale, dove molte nostre influenze (Foals, Arctic Monkeys, Franz Ferdinand) hanno mosso i primi passi. È un anno che inizia in salita, con le prime serate davanti a poche persone e tanta fatica ad inserirci nella scena. Dopo 10 mesi iniziamo a fare sold out in diversi locali, registriamo il primo EP agli Abbey Road Studios grazie ad una raccolta fondi, e veniamo addirittura invitati ad esibirci live nel leggendario Studio 1 di Abbey Road.

Dentro di noi cresce però il bisogno di tornare all’essenziale, di ripartire da dove siamo nati e di scrivere un album che racchiuda la nostra storia. Ci ri-trasferiamo in Italia per comporre il nostro primo disco e qui iniziamo a fare tante esperienze, a mescolare la nostra musica con diverse forme d’arte (fotografia, tatuaggi, moda, cinema) e soprattutto a formare un’identità più chiara del nostro prodotto.

Nel 2019 rilasciamo il primo EP, il nostro videoclip del singolo “Out of the City Pt.1” vince un premio come miglior videoclip musicale italiano, ci esibiamo in locali di tutta Italia e facciamo un tour europeo che ci porta fino in Olanda. Componiamo una colonna sonora per il film Sturling di Rodolfo Gusmeroli, partecipiamo alla tredicesima edizione di X-Factor Italia e finalmente entriamo in studio per ultimare il nostro album, alla Sauna Recording Studio, guidati da Luca Martegani ed Enrico Mangione alla produzione, con Tommaso Colliva (MUSE, Afterhours) al mixing e Giovanni Versari al mastering.

Siamo convinti di voler dire tanto con la nostra musica e non vediamo l’ora di poterlo dimostrare. Tra poco ci vedremo in giro per l’Italia, a cominciare dal 15 novembre con la prima tappa al Serraglio di Milano.

Bio
KEEMOSABE è una band Rock/Pop Moderno, accessibile a svariati tipi di ascoltatori che apprezzano groove energetici, riff potenti e melodie pop. Con un sound ispirato alla psichedelia anni ‘60, al Funk anni ‘70, ai synth anni ‘80 e al Rock anni ‘90, Il primo EP della band KEEMOSABE è il risultato di una profonda ricerca di identità musicale. Questa dicotomia interiore li ha portati ad esibirsi dalla periferia a leggendari locali e festivals di grandi centri urbani come New York, Roma, Amsterdam, Milano e Londra. Vantano show in alcuni dei più importanti locali europei, tra cui l’Alcatraz di Milano, aperture ad artisti nazionali ed internazionali (I AM GIANT, Kristeen Young, Canova, Fulminacci) e i loro due ultimi concerti a Londra sold out. Proprio a Londra, nei leggendari Abbey Road Studios, registrano il primo EP uscito nel marzo 2019. Il nuovo singolo Out of the City (Pt.1), uscito in anteprima con il magazine statunitense New Noise Magazine, è stato premiato ai Roma Videoclip Awards come miglior video italiano indipendente, ed è al momento inserito tra le nuove proposte Rock di VEVO e Tim Music.

 

 


Tags assigned to this article:
editoriaeKEEMOSABE

Related Articles

Per chi suona bombe

Di: Inna Cantina Sound Ho iniziato a cantare 7 anni fa. Non sapevo neanche come si facesse, pensavano tutti fosse

Quando si fanno le rivoluzioni bisogna farle su tutti i piani

Di: Francesco Loro dei Caffè dei treni persi “Quando si fanno le rivoluzioni bisogna farle su tutti i piani […]

PICCOLA DIMOSTRAZIONE POCO SCIENTIFICA SULL’ORIGINE ARTISTICA DEL TUTTO

Di: Gianluca De Rubertis Eccomi dissertare. Siate buoni, mi ci provo. Ma vale molto, e non solo per certi miei

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.