Posts From Alessandra Perna

Back to homepage
Alessandra Perna

Alessandra Perna

Alessandra Perna suona il basso e canta nei Luminal, che non è un gruppo punk, ma un'unione di tre persone che cercano l'assoluto attraverso la musica. Scrive per Jaymag quando incontra qualcuno d'interessante, quando ascolta musica che le fa cambiare qualcosa nella vita, quando vede la verità realizzarsi da qualche parte nel mondo.

Italian Gods #10

La rubrica di Alessandra Perna dei Luminal!

Read More

Italian Gods #9

Torna la rubrica di Alessandra Perna del Luminal…

Read More

Italian Gods #8

Italian Gods #8, la rubrica di Alessandra Perna…

Read More

Italian Gods #7

Achille fa il macellaio, ha il negozio a cento metri dal mio palazzo e ogni volta che vado a comprare della carne lui me ne fa assaggiare un pezzetto cruda. È il nostro gioco, il nostro piccolo segreto. Fa il

Read More

Italian Gods #6

È che io non l’ho mai capito il motivo per il quale bisogna stare seduti intorno allo stesso tavolo con persone che non sopporti, che detesti, che ti danno il voltastomaco. Per me è normale alzarmi e andarmene. L’ho sempre

Read More

Italian gods #4

Rubare la vita di qualcun altro, e poi vivere quella vita. Perché è questo quello che si fa a queste latitudini, si svuotano i corpi e si mette dentro qualcosa che non ha nessun valore. Questa è la cosa che

Read More

Italian gods #3

C’è una corrente infernale che attraversa alcune persone e prima o poi le fotte. Non puoi fare nulla contro quel drago che ti trascina sempre dalla parte opposta, verso l’anarchia, la povertà, la depravazione, la malattia mentale. Non c’è nulla

Read More

Italian gods #2

Ho conosciuto un batterista diciottenne che non può bere, perché quando si ubriaca piange sempre. Mi ha detto che dorme in una cantina, e pensa tutto il tempo al motivo per cui le persone smettono di amarsi, e quando gli

Read More

Italian Gods – #1

Una volta ho conosciuto un ragazzo, usciva solo la notte, il suo passo era veloce e disciplinato come una marcia, spaccava i finestrini delle macchine e quando lo faceva non pensava a nulla. Quando tornava a casa non era soddisfatto

Read More